Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

NANDO ELMO ALLA “RAISSA GORBACIOVA” DI TORRE CANAVESE

A Torre Canavese, dopo le sue performance di lettore di testi poetici, le sue conferenze e il suo quadro, esposto sul muro esterno del municipio, “Dialoghi con Leucò”, ispirato a Cesare Pavese: un’opera composita, tra mitologia e simboli, ove confluiscono memoria individuale e memoria collettiva, tra trasparenze di acquerello e  spessori materici di colori acrilici, Nando Elmo è di casa.

Per tale motivo non si è sottratto all’invito del sindaco  ad esporre in questo “Paese d’arte”, in occasione della presentazione di un libro monografico su Torre, dove il nostro artista appare come autore di uno dei testi, i suoi lavori realizzati nell’arco di trent’anni, tra il settanta ed oggi.

Un’antologica? No, perché chi ha già visto le opere, in altre mostre, avrà la sorpresa di trovarle del tutto modificate con aggiunte, o soppressioni d’elementi, che le rendono degli inediti.

Elmo non consente alle sue opere – almeno a quelle che ha in casa – nessun riposo. Non le considera espressioni compiute, mummificate, una volta per sempre, nei loro tratti. Esse non sono il risultato di un “progetto”, di un’idea “matura” in totale possesso di un soggetto che decide, in tutto e per tutto, che cosa fare. Esse nascono, da una sollecitazione, con le prime pennellate, allo Spirito perché parli - poi il quadro “si fa da sé”, con suggerimenti continui dello Spirito all’artista  per tramite dei colori, dei tratti. “Artista scriba dello Spirito”, dunque, come Elmo si dichiara.

Elmo “ritocca” continuamente le sue opere, aggiungendo, appunto, o togliendo particolari, colori, luci, modificando le immagini. “…perché la mia non sembri mia, e, soprattutto, parola definitiva, essendo la definitiva solo dello Spirito”, aggiunge, “giusto il suggerimento del Salmo 62: “Il Signore ha parlato una volta sola, io due ne intendo, perché suo è il potere”.

Le sue opere si sostanziano così, oltre che della maestria e dell’estro, dell’alacre ricerca nelle più recondite profondità di se stesso, dove egli ascolta la voce dello Spirito: “Sempre fraintesa per la parzialità dell’artista, che non riesce mai ad essere puro, mai scarico dei suoi “rumori” della sua inalienabile, soggettiva, umanità”.

Elmo continua ad inseguire un’immagine densamente espressiva, della quale non conosce in maniera precisa il luogo, il tempo, i contorni, i colori, le sfumature ed i sentimenti ( “e poi…?” sembra domandarsi nell’incertezza).

Tutto in questa “ricerca” ( “parola abusata dalla scienza, che tende sempre al meglio e alle cose in carne ed ossa”, dice) è carico di sensazioni che giungono da chissà dove e non si sa in quale quadro si comporranno in mosaico stabile (ma, dice: “Detesto il “finito” sempre compromesso col kitsch”…), capace di riconoscere  la propria “possanza” e di farla riconoscere (“ma questa speranza la lasciamo ai professori…”).

Work in progress; per questo si presentano sempre come una novità queste opere non ancora finite: basta cambiare una pennellata perché l’orizzonte appaia ruotato di qualche grado e faccia intravedere nuovi porti da cui salpare per altri momentanei approdi.

Restano, in ogni modo, a conferma di una poetica ormai consolidata (almeno quella: l’orizzonte del nessun orizzonte, o del sartriano lavorare contro se stessi), alcuni tratti distintivi che ritornano di dipinto in dipinto, a testimoniare di una continuità nell’affannoso tumulto dei suoi stimoli.

Ne sono emblemi il ricorrente Leitmotiv (quasi una firma) della lucertola, da intendersi quale antichissimo simbolo dell’anelito al colore, alla luce; e l’affacciarsi del tema della palude, con i suoi uccelli simbolo dell’anima, protesi verso altezze che possono essere raggiunte solo trovando il cibo tra le melme. In questo Nando Elmo pare far propria la riflessione di Dostoevskij: “Non c’è anima senza sottosuolo”. “Un sottosuolo”, avverte, “da non criminalizzare, come fa il “giorno” del “principio d’identità” del potere; da non razionalizzare, come fa la psicanalisi; ma da accettare come luogo sacrale del mistero  dell’umano: ventre a terra come la luminosa lucertola”.

Nella palude, nella terra, si attinge per poi guardare verso i barbagli di luce dell’oltre…

Percorso rischioso questo, sempre in bilico tra il trovarsi e il perdersi, visitato  sempre dal dubbio del fraintendimento, dall’ansia della scoperta, dalla temerarietà di un’impresa che non può non essere elusiva e delusiva: “Mi sento come Frenhofer de “Il capolavoro sconosciuto” di Balzac”.

Patrizia Mattioda

Priru / Torna