ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

PREMIO MEDITERRANEO 2009

 

I RINGRAZIAMENTI DI PINO CACOZZA

 

Mirėmbrėma gjithve juve, Buona sera a tutti voi.

Ju uronj shėndet e ēdo mirėsi. Vi auguro salute e ogni bene.

Ju bekoftė Ynėzot. Dio vi benedica.

E' un onore per me, umile servitore della cultura del popolo arbėresh, essere qui.

Ringrazio il presidente dott. Michele Capasso e la Fondazione Mediterraneo per avermene dato la possibilitą.

Ringrazio le personalitą che hanno determinato e trovato convergenza sul mio nominativo per l'assegnazione di questo prestigioso premio. In primis il prof. Nullo Minissi e di seguito tutti i membri della Giuria.

L'Arberia č un piccolo isolotto fra le tante floride terre del Mediterraneo.

Ed io sono un sottile alberello frastagliato dai venti e dalle intemperie.

Se resisto sarą merito delle radici ben salde.

Siamo una cultura debole, debole, non povera, debole in questo mondo in cui dominano le culture dei forti, in un processo di globalizzazione che mortifica la storia.

Siamo una cultura ricca, ricca, non potente, ricca di tradizioni, lingua, arte, vitalitą creativa.

E' un onore per me ricevere un riconoscimento che dedico alla mia gente, che nel Tempo, nel silenzio e nel sacrificio, passando dalle mortificazioni alle rivalse, ha rappresentato e rappresenta un esempio tangibile di integrazione storica, contribuendo alla nascita e al progresso della Nazione Italia.

La Civiltą Mediterranea č come un grande Madre che ha generato tanti figli, belli nello splendore particolare di ognuno, e li porta nobilmente al collo in una collana di pietre preziose. Tra queste c'č la piccola e debole Arberia, che, pur nella fragilitą della sua essenza, contribuisce ad arricchirne il valore e la particolaritą.

Ringrazio i miei collaboratori pił stretti: l'amico Ernesto Iannuzzi, una delle voci pił dolci e rappresentative della nostra canzone, che mi segue in ogni mia avventura artistica, il prof. Italo Costante Fortino, ordinario di Lingua e Letteratura Albanese all'Universitą di Napoli L'Orientale e la scrittrice Kate Zuccaro, corrispondente RAI ed attenta scrupolosa estimatrice della mia poesia-canzone.

Grazie.

Napoli, lģ 19 febbraio 2009

Pino Cacozza

 

 

priru / torna