ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

PREMIO MEDITERRANEO 2009

Chi si batte per il Mediterraneo

La Fondazione presieduta da Capasso premia i campioni del dialogo
 
Oggi si assegna il Premio Mediterraneo 2008-2009, istituito dalla Fondazione Mediterraneo 11 anni fa. La Cerimonia di assegnazione si terrą presso il Complesso Monumentale di S. Maria la Nova a Napoli (Piazza S. Maria la Nova 44). Il Premio Mediterraneo č stato istituito nel 1998. Viene assegnato ogni anno a personalitą del mondo politico, scientifico, culturale e artistico che hanno contribuito, con la loro azione, a ridurre le tensioni e ad avviare un processo di valorizzazione delle differenze culturali e dei valori condivisi nell'area del Grande Mediterraneo. Sulle ragioni e sugli scopi del Premio, il Denaro ha intervistato il presidente della Fondazione Mediterraneo, Michele Capasso.

 

Presidente Capasso, Qual č l'importanza di questo Premio Mediterraneo? Dopo tutti questi anni il Premio Mediterraneo č ormai unanimemente considerato uno dei riconoscimenti pił prestigiosi dell'area mediterranea sia per la qualitą dei giurati sia per il prestigio degli assegnatari che sino ad oggi lo hanno ricevuto. Ci puņ fare qualche nome? In questi anni sono state tante le personalitą che hanno ricevuto il Premio. Juan Carlos di Spagna, Leah Rabin, Naguib Mahfouz, Manuel Vazquez Montalban, il Primo Ministro turco Erdogan, Rania di Giordania, Gianni Letta, il Cardinale Etchegaray, Miguel Angel Moratinos, Yusuf Islam (Cat Stevens) giusto per citarne alcuni. L'Unione Europea sostiene questo Premio? Certamente. Tant'č che quando l'Unione Europea, attraverso la Fondazione per il Dialogo tra le Culture "Anna Lindh", da lei costituita, ha deciso di istituire il Premio Euromed per il Dialogo tra le Culture ha voluto farlo in partnership con la Fondazione Mediterraneo, facendo di questo riconoscimento una delle sezioni del Premio Mediterraneo. A chi sarą assegnato durante la cerimonia di oggi? Gli assegnatari sono persone ed istituzioni che hanno conquistato meriti sul campo per azioni significative nella promozione del dialogo tra Europa, Mediterraneo e Mondo Arabo. Saranno presenti l'editore egiziano Ibrahim El Moallem, che attraverso le sue pubblicazioni, libri e quotidiani, diffonde la cultura della Riva Sud; Wassyla Tamzali, scrittrice ed intellettuale algerina, molto attenta ai problemi e ai diritti delle donne; Carmen Romero che con il suo Circulo Mediterraneo svolge attivitą fondamentali per una migliore conoscenza delle differenti anime che abitano il Mare Nostrum. Saranno inoltre premiati l'Associazione L'Altra Napoli, attiva sul territorio partenopeo che come ben sappiamo non sta vivendo uno dei suoi migliori momenti, e Il Denaro che dedica sempre un'attenzione particolare alle tematiche mediterranee. Ci sarą anche Folco Quilici che con i suoi documentari e i suoi libri diffonde la cultura ed il rispetto del mare; infine, Pino Cacozza, artista italo - albanese che rappresenta a pieno la possibilitą di coesistenza in un'unica persona di due culture diverse ma allo stesso tempo con radici comuni.Sarą proprio lui a concludere la cerimonia di assegnazione dei Premi con un recital intitolato "Le Radici dell'Arberia". Uno spettacolo unico nel suo genere al quale sono invitati a partecipare tutti.
 


Premio Mediterraneo d'Arte e Creativitą a Pino Cacozza

Per aver dato espressione alla coscienza collettiva del popolo arbėreshe. Nella sua ampia produzione di poesia e canzoni fa rivivere con invenzione e gusto di leggenda le memorie latenti d'una comunitą che si č socialmente e politicamente fusa nella nazione italiana senza perdere la propria tradizione storica e linguistica. Preferendo al teatro le piazze, nelle sue recite piega il verso e la musica all'esaltazione di tutto un popolo, ne rinnova le radici, rafforza il sentimento unitario e trascina l'uditorio nel giro fraterno della danza corale con cui chiude sempre lo spettacolo.

Premio speciale del Decennale al Denaro

Il Denaro ha svolto un ruolo di costante impegno nell'informazione non solo economica ma specialmente politica e culturale in ambito euromediterraneo. Organo d'informazione dell'associazione Europa Mediterranea, Il Denaro si č posto, con pagine dedicate ed in collaborazione con le principali agenzie di stampa – quali Ansamed – come guida sugli eventi del Grande Mediterraneo, incarnando i valori del confronto, del dialogo e dell'interazione tra le culture. Con l'azione svolta ha contribuito a rendere Napoli centro nodale di riferimento euro-mediterraneo, diffondendo – con obiettivitą e puntualitą – notizie ed approfondimenti relativi ai Paesi della regione euromediterranea.

Premio Mediterraneo per l'Ambiente e il Co-sviluppo a Folco Quilici

Folco Quilici ha dedicato la propria vita alla salvaguardia dell'ambiente ed alla promozione del co-sviluppo. La sua opera di divulgazione della cultura del mare costituisce un esempio per le nuove generazioni ed uno strumento didattico-educativo da trasmettere a tutti i paesi rivieraschi del Mediterraneo affinché si diffonda l'amore per il mare e per la tutela del suo habitat.

Premio Mediterraneo per la Cultura e il Dialogo tra le Civiltą a Carmen Romero

A Carmen Romero, fondatrice del Cģrculo Mediterraneo, per aver contribuito a coniugare azioni e riflessioni in ambito euromediterraneo promuovendo l'indispensabile integrazione tra Politica, Cultura e Societą Civile

Premio Mediterraneo Informazione ad Ibrahim El Moallem

Ibrahim El Moallem ha svolto un ruolo di costante guida nell'ambito del mondo arabo diffondendo i principi di libertą ed eguaglianza attraverso la pubblicazione di migliaia di testi che hanno dato visibilitą alle mille voci della riva Sud. Da Naguib Mahfouz ad Alaa Al-Aswani i pił significativi scrittori del mondo arabo hanno trovato in Ibrahim Al Mohallim un canale di informazione attraverso il quale č stato possibile trasmettere al mondo arabo e al mondo intero affreschi di vita e ritratti di individui che sottolineano le comunanze e le affinitą tra le diverse culture, contribuendo ad una vera conoscenza e ad un mutuo rispetto.

Premio Mediterraneo Cultura a Wassyla Tamzali

Per la sua opera culturale che svolge una funzione di testimonianza della guerra di liberazione algerina nelle dolorose vicende dei suoi protagonisti. Per aver saputo esprimere, con il suo lavoro, le molteplici dimensioni e contraddizioni della riva Sud, vittima protagonista sofferente dell'epoca coloniale e delle impensate derive post-coloniali che attentano alle libertą dell'individuo ed ai suoi diritti, minando i principi di libertą di cui la cultura euromediterranea č fiera protagonista e testimone. Per aver dato voce ai soprusi di cui č vittima la donna in tutte le culture patriarcali e sessiste del Mediterraneo.

Premio Mediterraneo per la Solidarietą Sociale all' Associazione L'Altra Napoli Onlus

Per il ruolo svolto con intelligenza e progettualitą, stimolando la crescita civile del territorio partenopeo, guardando alle aree del disagio sociale nella prospettiva di un superamento delle logiche assistenzialistiche, proponendo concreti modelli di soluzione e di governo in aree problematiche.


del 19-02-2009 num. 033

 

 

priru / torna