Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  

 

Gentili lettori e navigatori interessati alle "nostre cose",

nei giorni scorsi abbiamo ricevuto una toccante ed alquanto significativa lettera scritta dal dott. Giuseppe (Zef) Vuxani.

Riteniamo importante rendere partecipi tutti di questa storia riguardante la  nascita del piccolo borgo albanese di Borgo Erizzo ora Arbanasi e la figura di , personaggio che ha dedicato la sua intera vita alla cultura albanese.

 

BORGO ERIZZO (OGGI ARBANASI) E GIACOMO VUXANI

 
Trieste 23 ottobre 2005

Spett. Redazione Arbitalia

Sono il dott. Giuseppe Vuxani nato nella colonia di origine albanese di Borgo Erizzo (attualmente Arbanasi) nella ex provincia italiana di Zara (in Dalmazia), ora sotto la sovranitą dello stato di Croazia con il nome di Zadar. Ho 79 anni e abito ..... a TRIESTE.
Ho lasciato, insieme a molti altri compaesani il paese natale nel lontano 1948, in seguito al Trattato di Pace con il quale la cittą di Zara veniva ceduta alla Jugoslavia. A quel tempo nel paese si parlava ancora il vetero albanese dei padri fondanti che fuggirono dalla dominazione turca nel 1725 provenienti da due paesi vicini a Scutari e furono sistemati alla periferia di Zara dal Procuratore generale per la Dalmazia della Repubblica di Venezia, Nicolņ Erizzo, dal quale il paese prese il nome (Borgo Erizzo). Da bambino venivo chiamato in albanese Zef e conservo ancora il ricordo delle parole pił comuni nell'albanese che si parlava allora. Mio padre fu un tenace esponente della diaspora albanese impegnata nell'aiuto all'indipendenza dell'Albania quale fondatore e Segretario della Associazione italo-albanese di Borgo Erizzo. A quel tempo fu in contatto con esponenti della delle colonie albanesi in Italia. Particolarmente significativo fu il Convegno a Trieste nel 1913.
Negli anni '30 il famoso linguista italiano Carlo Tagliavini esaminņ attentamente la lingua albanese parlata a Borgo Erizzo e scrisse un libro sull'argomento.
Purtroppo ho potuto salvare soltanto qualche piccolo ma interessante cimelio dell'origine albanese del paese che vorrei offrire al vostro centro culturale perché si conservi il ricordo.
Navigando in Internet sono venuto ieri a conoscenza del vostro sito ma non conosco altro se non la vostra Homepage dalla quale ho ricavato l'indirizzo E mail.
Trascrivo di seguito il necrologio su mio padre, quale esponente della diaspora albanese scritto dal prof. Koliqi sulla sua rivista italo -albanese Shejzat.
Potete rispondermi all'indirizzo E mail ......
Con le pił vive cordialitą  Giuseppe Vuxani

Priru /Torna