Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

DICHIARAZIONI SULLA FRANA

Il bel tempo aiuta chi in questo momento così delicato si prodiga ad alleviare  la sofferenza della comunità di Cavallerizzo. Si lavora alacremente per monitorare tutta la zona, aspettando il capo della Protezione civile nazionale Guido Bertolaso, che nella prossima settimana sarà a Cerzeto per quantificare la tragedia che ha investito queste persone e concretizzare lo stato di calamità riconosciuto con un decreto dal Consiglio dei ministri.

Nella giornata di ieri altre autorità istituzionali hanno visitato la cittadina arbereshe, gli assessori regionale Senatore, Dima e Gerace; il capogruppo di An nel Consiglio Provinciale di Cosenza, Pasqualina Straface. Lo stesso Gerace ha dichiarato di aver sentito il dovere di venire a Cerzeto. “La cosa che più rincuora – afferma Gerace - è che il Governo è intervenuto prontamente con un decreto. La Regione Calabria ha già stanziato una somma per dare sostegno a Cerzeto. La Calabria in generale presenta movimenti franosi anche se non è il momento di parlare di responsabilità, ma c’è la mancanza di un progetto generale di bonifica delle aree più a rischio”.

Straface, nel constatare la gravità della situazione e dei problemi che si vivono a Cerzeto in questo momento, si fa portavoce del suo gruppo provinciale ed esprime solidarietà alla gente del posto per questa catastrofe naturale. “L’esempio di Cerzeto – aggiunge Straface – possa servire da esempio per tutte le altre realtà. La Regione Calabria nel 2001 ha predisposto il Pai (Piano di assetto idrogeologico) per queste zone a rischio. C’è la necessità di un intervento immediato per dare aiuto a queste persone. Come gruppo provinciale stiamo predisponendo un emendamento affinché la Provincia prenda esempio da Cerzeto, per intensificare la Protezione civile, in particolar modo gli aiuti dal punto di vista dell’assistenza”.

L’assessore regionale Giovanni Dima che conosce molto bene la situazione in cui versa la valle del Crati per ciò che riguarda l’agricoltura, ha evidenziato la presenza di testimonianza umana e di solidarietà, civile, amministrativa, istituzionale alla comunità di Cerzeto e Cavallerizzo: “ La consapevolezza di fare subito e in fretta – afferma Dima – nel tentativo non solo di dare sicurezza e certezza ai cittadini del territorio. Mi pare di capire che il fronte della frana potrebbe essere più vasto rispetto a quello attuale. Farò in modo di guardare sino in fondo con attenzione per prevenire episodi di questa natura.  L’attenzione massima sarà rivolta nei riguardi della Protezione civile nazionale e regionale nella direzione di monitorare costantemente tutto ciò che è necessario e parallelamente al controllo tecnico del territorio è necessario trovare una soluzione agli sfollati che mi sembra è un elemento che dobbiamo tenere fortemente in considerazione anche se ho appreso che gran parte di loro hanno trovato una giusta e dignitosa collocazione soprattutto nell’ambito dei propri familiari e della stessa comunità – conclude l’assessore Dima – E’ chiaro che restituire la propria abitazione è il primo intervento che dobbiamo immaginare di pianificare, per cui ai primi provvedimenti di natura finanziaria stabiliti nell’ultima Giunta regionale bisogna aggiungere una più razionale costruzione. Adesso è essenziale governare al meglio in modo efficiente ed efficace con grande spirito di solidarietà questo momento emergenziale - Disponibilità estrema ed ampia in qualsiasi momento. Dima, sullo stato attuale politico locale (si dovrà votare per il rinnovo dell’amministrazione il prossimo aprile), afferma - Che visto la situazione, spetta alla comunità suggerire agli organi competenti il da farsi. Fra il rinvio o l’immediata elezione delegherei alla sensibilità dei candidati a sindaco e della stessa comunità”. Sul fronte istituzionale si registra un nuovo colloquio, ieri, tra il Presidente della Provincia, onorevole Mario Oliverio ed il capo del Dipartimento della Protezione Civile nazionale, Guido Bertolaso.

Dopo l’incontro di qualche giorno addietro a Roma, nel corso del quale era stata stabilita la volontà di mantenersi in stretto contatto relativamente alla situazione di Cavallerizzo, Bertolaso ha confermato ad Oliverio la propria prossima presenza a Cerzeto, così come gli aveva già anticipato. Commentando positivamente con il Presidente della Provincia la proclamazione governativa dello stato di emergenza, il direttore della Protezione Civile si è riservato di comunicare all’onorevole Olivero, nei primi giorni della settimana entrante, la data precisa della sua visita a Cavallerizzo. Intanto, il Presidente Oliverio (che ha commentato positivamente il decreto Cerzeto, anche se- ha detto- si aspetta di valutare il merito dei provvedimenti legislativi che dovranno essere assunti per la ricostruzione)  ha disposto per l’Ufficio Tecnico provinciale un sopralluogo anche a San Martino di Finita, sulla cui situazione verrà redatta una dettagliata relazione.

Per domani, invece, è fissata una riunione straordinaria della Giunta che sarà interamente dedicata a far il punto, grazie a relazioni tecniche appositamente redatte,  sulla situazione di Cerzeto ma anche di altre zone del territorio che hanno subito danni in seguito alla situazione metereologica delle scorse settimane, tenuto conto che sono ben 12 le strade provinciali interessate da frane.

La Provincia ha messo a disposizione della comunità di Cavallerizzo l’Istituto Professionale per l’Agricoltura di proprietà dell’Ente, sito nel Comune di San Marco Argentano. Un edificio - ha fatto sapere l’Assessore all’Edilizia Scolastica Oreste Morcavallo che ieri ha comunicato la disponibilità al Sindaco Stamile, dopo una visita a Cerzeto - che potrà essere utilizzato secondo le esigenze individuate dalla popolazione colpita.

Ermanno Arcuri

priru / torna