Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

GINESTRA. IN VISITA NEI PAESI DEL VULTURE PER CONOSCERE IL DIALETTO E LA LINGUA ARBERESHE

Ginestra.

Stefania Suozzo di Cantu’ (Como), nei giorni scorsi ha visitato alcune comunità del Vulture, da Rionero, a Venosa, Forenza, Rapolla ed i tre centri di origine arbereshe, vale a dire, Barile, Maschito e Ginestra per una ricerca sul dialetto, ed in particolare, della parlata arbereshe. Ricerca che si basa sulla percezione della parlata di ogni paese visitato e dell’influenza subìta nel corso dei secoli. Stefania Suozzo, è figlia di emigranti di Barile, il papà si chiama Adriano e la mamma Lina Botte, trapiantati al Nord Italia, circa 30 anni fa per motivi di lavoro e che lavorano come personale amministrativo presso scuole di Cantù. Stefania Suozzo è iscritta alla facoltà di Scienze della Comunicazione ad indirizzo interculturale presso l’Università “Bicocca” di Milano. E, prossimamente deve discutere una tesi sul “dialetto e la lingua arbereshe”. Tesi che molto probabilmente verrà menzionata al prossimo Congresso di Linguistica Italiana che il Dipartimento di Ermeneutica di Milano organizzerà il prossimo settembre, sempre presso l’Università di Milano.

A Ginestra, nei giorni scorsi, l’aspirante dottoressa in Scienze della Comunicazione, è stata accompagnata dal padre Adriano e da Samuele Franciosa, ex amministratore di Barile, profondo conoscitore della lingua arbereshe. Ha intervistato alcuni giovani ed anziani del paese, ed ha notato la mancanza di lingua arbereshe parlata dai giovani per la forte influenza del dialetto subìto dai paesi limitrofi. A Barile ha notato che la lingua madre viene parlata di più, anche da fasce di età giovanili. A Maschito ha dedotto che la generazione dei 50enni non parla la lingua arbereshe, la capisce soltanto.

Avvicinata Stefania Suozzo ha detto: “ in ogni paese visitato c’è un forte richiamo alle proprie origini. Ognuno pensa che il dialetto del proprio paese sia il migliore. Pur riconoscendo le stesse origini i tre centri arbereshe non hanno legami tra loro, sembra che ognuno vive per sé. Tutti sono concordi nell’affermare che Barile è il paese dove si parla di più l’arbereshe. Il lavoro che sto raccogliendo è utile e mi servirà a preparare una tesi di laurea sul dialetto e l’influenza che esso ha avuto nei paesi arbereshe. A lavoro finito regalerò una copia della tesi ai tre centri arbereshe”.

Lorenzo Zolfo

priru / torna