Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

COMUNE DI GINESTRA

Coordinamento Regionale delle Città del Vino

IL NUOVO COORDINATORE REGIONALE È IL SINDACO DI GINESTRA, FABRIZIO CAPUTO

Nella giornata del 24 ottobre si è riunito presso il Palazzo Fortunato di Rionero in Vulture, il coordinamento regionale delle Città del Vino, l’associazione nazionale che raccoglie i Comuni sul cui territorio insistono produzioni enologiche e più in generale una tradizione culturale tipica legata al vino.

Alla presenza del direttore dell’Associazione, Paolo Benvenuti, che ha relazionato sullo stato dei fatti, sulle prospettive dell’associazione e su note di carattere organizzativo e metodologico, si è proceduto alla nomina del coordinatore regionale e della Giunta.

Il nuovo coordinatore regionale nominato dai membri dell’associazione è il sindaco di Ginestra, Fabrizio Caputo, mentre la giunta sarà composta da Michele Stante, consigliere comunale di Rapolla e assessore presso la Comunità Montana del Vulture ed Emilio Sacco, assessore del Comune di Rionero in Vulture.

Il neocoordinatore regionale ha subito affermato che intende rilanciare la funzione dell’associazione a livello regionale impostando un dialogo operativo con i Comuni aderenti e tutti i soggetti istituzionali e privati coinvolti nel sistema enologico lucano:

“Assumo il coordinamento convinto che l’associazione possiede ampi spazi di manovra in termini di valorizzazione culturale del vino e del suo territorio, in particolare in relazione ai piccoli comuni rurali. Partirò subito con i colleghi Sindaci all’individuazione di una strategia pluriennale per dare corpo agli obiettivi associativi.

Bisognerà strutturare iniziative immateriali che sappiano elevare la sintesi tra produzioni vinicole, tutela del territorio e dimensione culturale del vino. Per fare questo è necessario che i protocolli siglati, i progetti e le iniziative avviate a livello nazionale attecchiscano sul nostro territorio e presso i nostri enti. Come coordinamento dovremo interagire produttivamente con la piattaforma nazionale, qualificando l’immagine e le potenzialità del Vulture in particolare modo.”

Sul ruolo che l’associazione svolgerà nelle dinamiche istituzionali il Sindaco Caputo ha affermato:

Città del Vino si proporrà in Basilicata come interlocutore determinato nelle logiche di pianificazione dello sviluppo rurale, poiché ritengo che il rapporto tra un elemento così caratterizzante per il nostro territorio e le istituzioni debba trovare sedi di discussione e programmazione a più voci. Ci costituiamo anche come parte negoziale per incentivare una politica enologica regionale più mirata ed efficiente.

Il vino e la sua cultura sono elementi strategici sui quali sviluppare un turismo di qualità, rivalutare e ridefinire la tutela del paesaggio, e tipicizzare le qualità rurali, sia esse che siano di tipo urbanistico, naturale o sociale.”

Sulle iniziative concrete che intende avviare Caputo ha poi concluso:

“Sono molti i progetti che abbiamo in mente, dal rafforzamento dei flussi turistici legati al vino e alla vendemmia attraverso una progettualità mirata, alla valorizzazione puntuale delle strade del vino, fino alle collaborazioni con enti di ricerca e università per ampliare i servizi connessi al sistema vino.”

Infine sulla concertazione con i soggetti locali:”Invierò una lettera a tutti i produttori, alle associazioni di produttori, all’università, al fine di programmare con gli enti aderenti iniziative innovative nel settore e che rispondano ad una reale partnership per affermare una valorizzazione piena della cultura enologica in Basilicata.”

Lorenzo Zolfo

priru / torna