Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

GINESTRA. UN BABBO NATALE ITINERANTE PROMOSSO DALLA PRO LOCO ZHURIAN

Ginestra.

Come da qualche anno, si č ripetuto, nel piccolo centro arbereshe, lo scorso 24 dicembre, vigilia del Santo Natale, il “Babbo Natale Itinerante”. Una manifestazione tipicamente natalizia, organizzata dalla Pro-Loco “Zhurian”, che consiste nel girare l’intero paese a bordo di un carrello pieno di regali natalizi e di Babbo Natale. Circa cinquanta abitazioni sono state visitate dai babbo natale tra la sorpresa, la paura, il timore e la gioia dei bambini.

La manifestazione ha riscosso un notevole successo, anche, tra gli adulti, perchč, al passaggio di questo carrello per le strade principali, i babbo natale venivano immortalati o ripresi da macchine fotografiche o cineprese.

Dopo oltre 3 ore, esausti i componenti della Pro-Loco ed alcuni volontari, hanno terminato il giro del paese.

Avvicinato la Presidente della pro-loco, Antonella Pepe, che si č anche vestita, ha detto: “ questa tradizione riscuote sempre consensi ed apprezzamenti da tutto il paese. Dietro a questo c’č il grande lavoro fatto da alcuni componenti dell’associazione e volontari. Ringrazio di cuore Massimo Summa, Antonio Summa, Fiorella Pompa,  Antonio Monaco, Pasquale Lovino, Lucia Milito che, armati di buona volontą ( ce n’č tanto bisogno per la riuscita di qualsiasi manifestazione) e scesi in campo in prima persona, vestendosi da babbo natale, hanno permesso la riuscita di questo evento natalizio tanto atteso da bambini di Ginestra. Parallelamente a questa manifestazione, lo scorso 20 dicembre, in piazza Ciriello, sotto l’albero di Natale, donato dai cinquantenni del paese, alla Comunitą, abbiamo donato ai bambini della scuola dell’Infanzia e Primaria del paese un ricordo del Santo Natale. Ringrazio l’Amministrazione Comunale, per la collaborazione offerta, sia come disponibilitą di locali, che per il contributo dato per gli addobbi e le luminarie natalizie realizzate nel paese”.

Lorenzo Zolfo

priru / torna