Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

GINESTRA 2 AGOSTO 2006. CAMPO DI EVANGELIZZAZIONE. PADRE ROBERTO BASILICO CON GLI AMICI DI GESU’ “INCANTA” LA COMUNITA’ ARBERESHE.

Ginestra.

Nella giornata di mercoledì 2 agosto, all’interno del campo di Evangelizzazione che si svolge a Venosa alla presenza di circa 400 giovani “Amici di Gesù” provenienti da ogni parte d’Italia, la comunità cristiana di Ginestra ha vissuto un importante ed indimenticabile evento religioso. Padre Roberto Basilico, un frate carismatico, fondatore della comunità religiosa “Il Mandorlo” di Isernia, invitato dal parroco di Ginestra, don Gilberto Cignarale, ha celebrato una Santa Messa nel piazzale del Santuario della Madonna di Costantinopoli. Padre Roberto Basilico, nella Diocesi, è ben conosciuto, essendo stato, due anni fa, a Rionero e l’anno scorso a Melfi. La sua comunità vive di carità, possiede particolari doti carismatiche, la gente lo cerca per la soluzione dei problemi.

Durante la celebrazione eucaristica, il piazzale del Santuario di Ginestra, era gremito di tanta gente, proveniente dai centri limitrofi, Ripacandida, Rionero, Melfi, Maschito e Venosa. Nell’omelia, il padre carismatico di Isernia, ha detto: “oggi è un giorno speciale, è la festa di Santa Maria degli Angeli, sotto lo sguardo e la protezione della Madonna di Costantinopoli, protettrice di Ginestra, celebriamo questa eucaristia. Ogni volta che celebro all’aperto, parlo ai fedeli col cuore, come fece Gesù quando salì sul monte e lì si radunò tanta gente per ascoltarlo. la Parola di Dio ha il potere di cambiare il mondo, ha sempre da dire qualcosa. Gesù, oggi, come duemila anni fa, ripete quei gesti d’amore di allora. Con questi giovani, “amici di Gesù”, vogliamo rinnovare i prodigi del suo amore. Alcuni di questi, alcuni mesi addietro, seguivano la via della droga, della violenza, della malattia, mediate dalla incapacità propria e di quella familiare di una fede cristiana. Cari giovani, genitori, qui presenti, Gesù si prende cura dell’uomo e di tutte le sue necessità:chiedete e vi sarà dato, bussate e vi sarà aperto. Un’arma potente avete a disposizione, la forza della preghiera e della fede. Si pensa che la Chiesa  è frequentata sola da gente anziana e vive un declino, invece essa è viva, è bella, è la sposa di Cristo, possiede la potenza dello Spirito Santo che si rinnova continuamente. Questi giovani, così numerosi e chiassosi, ne sono una testimonianza, dobbiamo imparare a conoscerli meglio e stare un po’ più con loro.

 Gli abitanti di Ginestra ci hanno offerto l’olio che nella Sacra Scrittura è il segno della letizia, della gioia  e dello Spirito Santo che ci dà la forza ad andare avanti”.

Alla fine della santa messa, dopo una veloce cena a base di panino e bibita, tutti si sono dati appuntamento in piazza Risorgimento, dove i giovani “Amici di Gesù” hanno animato la serata con canti e balli, sostenuti da padre Roberto ed altri frati.

Avvicinati alcuni di questi giovani, provenienti da ogni Regione italiana, hanno riferito. Marilù Contessa di Vidigulfo (PV): “ho sperimentato ed incontrato quant’è grande l’amore di Gesù. Consiglierei, a chi vive con distacco, di avvicinarsi alla parola di Dio perché questa esperienza trasmette una carica esplosiva ed una gioia immensa”. Mariangela Moretti di Roma, alla sua 1^ esperienza in un campo di evangelizzazione, pur avendo partecipato ad altre esperienze con padre Roberto, ha aggiunto: “ in questi giorni mi sento pieno di Spirito Santo, è il dono più grande che Dio poteva farmi, ringrazio il mandorlo di Isernia, ha dei doni carismatici, ha cambiato la mia vita. Forza, coraggio, lotta, preghiera sono le nostre armi, stiamo imparando a non avere paura e nel nome di Gesù andiamo avanti per ripagarlo di quell’immenso amore che Lui aveva per noi, morendo sulla croce”.

Avvicinato il padre carismatico Roberto Basilico ha detto: “Ginestra, una piccola località accogliente, siamo contenti di essere stati qui. Questa piazza Risorgimento ci ha reso tutti uniti, pubblico, giovani e frati, nel nome di Gesù. Sembrava di stare in un anfiteatro”.

Don Gilberto Cignarale, parroco di Ginestra, concludendo la serata, ha riferito: “con il cuore pieno di gioia ringrazio il Signore per questo grande regalo fatto alla comunità cristiana di Ginestra e benedica i passi della vostra vita”.

Lorenzo Zolfo

priru / torna