Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

GINESTRA. FESTA DEI PICCOLI COMUNI D’ITALIA

Domenica 21 maggio in oltre 30 Comuni della Basilicata è stata celebrata la 3^  edizione della festa dei Piccoli Comuni d’Italia. L’iniziativa, promossa da Legambiente e dall’associazione Piccola Grande Italia, serve a riscoprire la propria identità storica e culturale del proprio paese.

Ginestra, paese di origine arbereshe, non si è lasciata sfuggire l’occasione per mettere in risalto il proprio patrimonio di cultura, di tradizione e, soprattutto, quello enogastronico.

In mattinata, alle ore 12,00, nel piazzale del Santuario della Madonna di Costantinopoli, dai bambini della scuola materna ed elementare del paese e da tutta la cittadinanza, è stato cantato l’Inno di Mameli: Fratelli d’Italia, voluto dalla Presidenza della Repubblica Italiana, per l’alto senso di appartenenza all’Italia. Presenti il Sindaco Giuseppe Pepice, il Sottosegretario di Stato, Onorevole Mario Lettieri, i carabinieri ed il corpo forestale di Ripacandida.

In serata, in piazza Raffaele Ciriello, si sono degustati alcuni piatti caratteristici di Ginestra accompagnati da un buon bicchiere di vino aglianico doc del Vulture e da tanta musica. Numerosa la gente che vi ha partecipato, proveniente anche da paesi limitrofi Ripacandida, Rionero, Venosa e Forenza. Sembrava di rivivere quel rapporto conviviale tra la gente, che manca sicuramente neri centri più grandi. Si è trascorsa, di certo, una domenica diversa per riscoprire il piacere di vivere la piazza, riassaporare la piacevolezza di un’antica ospitalità e per lanciare una sfida al futuro. Attraverso queste feste di piazza si cresce e si risponde alla logica di un territorio che si apre.

Molta gente ha potuto ammirare il costume tipico arbereshe femminile, esposto dalla Pro-Loco “Zhurian”. Alcune foto della Basilicata antica ed alcuni attrezzi utensili per la campagna, oggi in disuso, hanno fatto da cornice alla festa di piazza.

La manifestazione è stata organizzata dalla Pro-Loco “Zhurian” col patrocinio dell’Amministrazione Comunale. Si è potuto gustare il pane cotto, l’arrosto ed alcune frittelle. Un ringraziamento è stato rivolto alle signore-massaie che hanno preparato con dovizia questi piatti: Rosa Disabato, Firmina Esultanza, maria Bochicchio, Donatella parisi e Michelina Del franco. La scuola di ballo “Ripadance”di Ripacandida, dell’Associazione A.C.L.I. “I Fiori del Vulture”, costituita da giovanissime ragazze, ha proposto un piccolo saggio del lavoro che svolge durante l’anno trasmettendo a tutti l’allegria e l’entusiasmo per la danza ed il ballo in genere.

A fine manifestazione sono stati avvicinati gli amministratori comunali di Ripacandida, presenti alla serata, Luigi Gilio e Donato Musto, ed hanno riferito: “ un’iniziativa lodevole per il modo in cui si è svolto, per il fatto che, coinvolgendo tutti, dai bambini agli anziani, ha creato quella armonia indispensabile per la buona riuscita della stessa. Una festa, quella dei Piccoli Comuni, che ha come scopo principale quello di salvaguardare le nostre piccole realtà affinché diventino il fulcro principale, come sviluppo, dal punto di vista sociale-economico e culturale. Quindi un appello alle istituzioni perché mantengano sempre vivo l’interesse per tutto questo, con più assiduità”.

Lorenzo Zolfo

priru / torna