Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

S. ATANASIO

Comunità Cattolica Bizantina

Via del Babuino 149- Roma

 

 

E’ DECEDUTO VITTORIO PERI

Gorizia 1932 – Roma 2006

Esimio studioso – grande amico degli Arbëreshë

 

Alle ore 2 di domenica 1 gennaio 2006 è deceduto dopo alcuni mesi di malattia il prof. Vittorio Peri, noto ed esimio studioso di problemi storici e grande amico degli Arbëreshë, a cui ha offerto un ultimo sentito contributo quale “esperto “ e membro del II Sinodo Intereparchiale delle tre Circoscrizioni Ecclesiastiche Bizantine in Italia.

Vittorio Peri era nato a Gorizia nel 1932. Si è laureato all’Università cattolica di Milano con una tesi in patristica greca. E’stato scriptor graecus della Biblioteca Vaticana fin dal 1961.

Le sue ricerche, di carattere filologico e storico, sono in prevalenza dedicate ai rapporti tra l’Oriente e l’Occidente.In particolare ha indagato: Le cause storiche della mancata celebrazione comune della Pasqua nella stessa data, l’evoluzione dei criteri per l’identificazione ed il riconoscimento dei Concili Ecumenici; le circostanze in cui la formula teologica del Filioque fu assunta come espressione di opposizione dogmatica; le forme canoniche della secolare presenza della Chiesa greca in Italia; l’introduzione della moderna nozione occidentale di “rito” nell’ecclesiologia cattolica; la genesi della struttura del titolo patriarcale nelle Chiese; l’ingresso della lingua slava nella liturgia ad opera dei santi Cirillo e Metodio.

Fin dalla sua costituzione (1979) ha fatto parte tra i trenta membri cattolici della Commissione Mista Internazionale del dialogo teologico fra la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa nel suo insieme.

 

Scritti principali: I Concili e le Chiese, Roma 1965; Due date un’unica Pasqua, Milano 1967; Chiesa Roma e “rito”greco, Brescia 1975; Ricerche sull’<Editio Princeps> degli atti greci del Concilio di Firenze, Città del Vaticano 1975; Omelie origeniane sui salmi, Città del Vaticano 1980; La <Grande Chiesa bizantina>. L’ambito ecclesiale dell’Ortodossia, Brescia 1981; Cirillo e Metodio. Le biografie paleoslave, Milano 1981;La Pentarchia:istituzione ecclesiale (I-VII) secolo e teoria canonica teologica, in ‘Bisanzio, Roma, L’Italia nell’alto medioevo (=XXXIV Settimana di studi sull’Alto medioevo), I, Spoleto, 1988. 209-311; LO scambio fraterno tra le Chiese. Componenti storiche della Comunione, Libreria Editrice Vaticana, 1993; Orientalis Varietas. Roma e le Chiese d’Oriente – Storia e diritto canonico, Pontificio Istituto Orientale, Roma 1994.

 

Per gli Italo-Albanesi ha pubblicato vari studi in circostanze diverse, ha scritto su “Oriente Cristiano” (Palermo), ha curato lo studio introduttivo alla riedizione della Storia del rito greco in Italia della Collana “Biblioteca degli Albanesi d’Italia” diretta da Italo C. Fortino (Pietro Pompilio Rodotà, Dell’origine, progresso e stato presente del Rito Greco in Italia, Edizioni Brenner , Cosenza 1986). In questo studio ha presentato criticamente .l’apporto nuovo al tema dalla pubblicazione originale dei tre volumi (1758.1760,1762) al 1985. Nel 1986 ha partecipato alla presentazione dell’opera a S.Benedetto Ullano (Cosenza) luogo di origine del Rodotà.

 

La Comunità arbëreshe di Roma lo ha avuto, non soltanto spesso presente nelle sue celebrazioni liturgiche, ma “maestro” di seguitissime conferenze al Circolo italo-albanese di cultura “Besa-Fede” (Via dei Greci 46).

Egli lascia nel dolore e nella fede nella resurrezione la moglie, Prof.ssa Franca Minuuto Peri, e quattro figlie (Via S. Calepodio 29 –00152 Roma). I funerali avranno luogo martedì 3 gennaio, ore 11, nella Parrocchia di N.S. di Coromato (Colli Portuensi). Sarà sepolto a Gorizia nella tomba di famiglia.

 

“Eterna la tua memoria,

fratello nostro indimenticabile

e degno di beatitudine”

Comunità Cattolica Bizantina di Atanasio

priru / torna