ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  

 

 

Istituto Italiano di Cultura di Strasburgo

 

Logotipo degli Istituti Italiani di Cultura: metą della scultura "sfera grande" di Pomodoro su campo rosso

 

 

STRASBURGO

EVENTI PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA ITALIANA

Presenza istituzionale di Pierfranco Bruni del MiBAC

PROMOZIONE DELLE TRADIZIONI DELLE ETNIE

DELLA MAGNA GRECIA (Gli Italo – albanesi e i Grecanici)

E DELLE ETNO – ANTROPOLOGIE DEL FRIULI

Dal 22 al 24 aprile prossimo all’Istituto Italiano di Cultura di Strasburgo

 

L’Istituto Italiano di Cultura  di Strasburgo ha organizzato per Mercoledģ 23 aprile e giovedģ 24 aprile incontri di studi per la valorizzazione della Cultura Italiana a Strasburgo. A rappresentare la cultura italiana sarą Pierfranco Bruni.  La manifestazione rientra  nell’Anno Europeo del Dialogo Interculturale2008 e nel decimo Anniversario della Carta Europea delle lingue regionali o di minoranza.

La cultura italiana  a Strasburgo dedicati a incontri per la promozione delle etnie e dei linguaggi. Dalla identitą Italo – Albanese a quella dei Grecanici nel valore della Magna Grecia e l’etnia del Friuli tra codici linguistici e modelli antropologici.

A rappresentate l’Italia su queste tematiche č stato chiamato Pierfranco Bruni responsabile del Progetto sulle minoranze linguistiche del MiBAC e componente dello stesso dicastero nella Commissione nazionale Unesco. Gli eventi si svolgeranno nelle sale dell’situto Italiano di Cultura di Strasburgo.

I due appuntamenti, in particolare, svilupperanno i seguenti temi: “Le Minoranze etnico-linguistiche in Italia : la minoranza albanese e la minoranza greca” e “Pier Paolo Pasolini e il Friuli. Un'etnia sulla pelle di un poeta”. Nella prima giornata verrą inaugurata la mostra pannellare che ha come tema: “La Cultura di un popolo tra storia e tradizioni. Appunti di un viaggio”. Un viaggio nella civiltą Itali – albanese grazie a cinque percorsi: la storia, la letteratura, la tradizione, l’arte e la musica.

La mostra č stata curata da Pierfranco Bruni, in quanto esperto del MiBAC per la cultura delle presenze minoritarie in Italia, e resterą a Strasburgo per un mese.  La mostra č composta da trenta pannelli e dedicata alla cultura arbėreshe, la mostra intende promuovere la tutela e la conoscenza di questa comunitą, portatrice di un' antica cultura, che affonda le sue radici nella tradizione bizantina, caratterizzata da un forte spirito comunitario''. La consapevolezza e l'orgoglio della propria specificitą non hanno tuttavia impedito negli anni alla comunitą albanese di integrarsi profondamente con la cultura italiana, acquisendo valori culturali unitari sui quali bisogna investire in ragione, anche, dei positivi effetti sul circuito turistico culturale, con evidenti ricadute nei diversi ambiti territoriali.

La manifestazione dedicata alla cultura etnica friulana sottolinea, tra l’altro, il rapporto che Pier Paolo Pasolini ha avuto con l'etnia friulana. Ampio spazio viene dedicato alle "Poesie a Casarsa", poesie in lingua friulana con cui viene offerta una comparazione tra la realtą territoriale del Friuli, dove la lingua č parte integrante del progetto di tutela e valorizzazione e gli scritti di Pasolini.

 

Logotipo degli Istituti Italiani di Cultura: metą della scultura "sfera grande" di Pomodoro su campo rossoImmagine del dipinto "la cittą ideale" attribuita a Luciano Laurana e conservato nel Palazzo Ducale di Urbino

 

 

priru / torna