Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
ARBITALIA presenta

CIVITA (CS)

Civita Lo chiedono a gran voce le associazioni culturali arberėshe
Minoranze linguistiche, subito la legge
 

Emanuele Pisarra

CIVITA – Indire un forum delle associazioni culturali che si occupano di tutto ciņ che riguarda la comunitą arberėshe e formare un comitato di iniziative del disegno di legge Gagliardi. Č quanto emerso dalla riunione che si č tenuta al museo etnico arberėsh di gran parte delle associazioni che hanno aderito all'iniziativa presa dall'associazione culturale «Gennaro Placco» per rompere l'indifferenza della regione Calabria sul problema minoranze linguistiche. Dopo l'intervento del presidente dell'associazione «Gennaro Placco», prof. Demetrio Emmanuele, il quale ha relazionato sul ruolo dell'associazionismo arberėsh richiamando gli insegnamenti di Costantino Mortati sull'importanza di aggregarsi in forme associative per portare avanti un'idea. Inoltre, il prof. Emmanuele ha poi ricordato che č gią passato un anno da quando č andato a riferire in audizione alla commissione regionale cultura per quanto riguarda la comunitą arberėshe e la proposta di legge Zavettieri non č ancora arrivata in aula per essere discussa. A dare manforte al prof. Emmanuele si č aggiunto il papas Antonio Bellusci, responsabile del Centro studi Castriota, il quale ha ribadito la necessitą di costituire un'associazione delle associazioni con un fondo comune e un regolamento interno. Alla riunione ha partecipato il consigliere regionale Mario Albino Gagliardi, il quale ha annunciato che sta per presentare un disegno di legge sulla tutela delle minoranze linguistiche cosģ come previsto dalla legge quadro nazionale. Il disegno di legge Gagliardi mira a rompere l'indifferenza del Consiglio regionale calabrese che ha relegato la questione arberėshe nel dimenticatoio. La proposta presenta, tra i tanti, tre elementi di novitą: l'inserimento di un centro studi etno-musicologico a Lungro, il ruolo dell'Eparchia e il ruolo determinante dell'associazionismo. «I comuni hanno perso il ruolo di conservazione del patrimonio arberėsh: forse questo č il monento adatto – afferma Italo Elmo, presidente del Centro Studi Tradizioni Popolari di San Demetrio Corone – per trasferire, di fatto, alle associazioni le risorse per lo studio e la promozione delle minoranze linguistiche presenti sul territorio regionale». Anche l'avvocato Vasto dell'Associazione degli insegnanti di albanese, ha ribadito la necessitą di acquistare un potere contrattuale delle minoranze e si č dichiarato d'accordo alla fondazione di un'associazione delle associazioni. Infine, il prof. Francesco Fusca, del ministero dell'istruzione, responsabile della distribuzione dei fondi alle scuole, ha sollevato il problema della «coscientizzazione» delle famiglie ad apprendere la lingua minoritaria e poi rivolgendosi al consigliere Gagliardi lo ha provocatoriamente pregato di fare una qualsiasi legge «anche imperfetta, perché si puņ sempre modificare; il nulla non č modificabile».

priru / torna