Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
 

NASCE IL COMITATO REGIONALE PER LE MINORANZE LINGUISTICHE

Riunione, presso la sede dell’assessorato regionale alla pubblica istruzione, dei sindaci delle comunitą di lingua albanese, grecanica e occitana per la costituzione del comitato regionale per le minoranze linguistiche della Calabria, previsto dalla legge regionale n. 15/2003 “Norme per la tutela e la valorizzazione della lingua e del patrimonio culturale delle minoranze linguistiche e storiche della Calabria”.

Una legge importante che destina apposite risorse finanziarie ai paesi che rientrano negli ambiti territoriali delimitati dalle amministrazioni provinciali competenti, in base alle Legge 482/99.

Nella riunione, convocata da Saverio Zavettieri, assessore regionale alla cultura, con l’intento di attivare urgentemente la programmazione delle attivitą previste per la finalizzazione delle risorse destinate alla tutela e valorizzazione delle comunitą linguistiche, sono stati nominati i componenti degli enti locali  nel comitato regionale, come previsto dell’art. 8 della legge 15/2003.

Per l’area albanese, l’assemblea dei sindaci ha eletto come rappresentanti del comitato i sindaci di San Demetrio Corone, Cesare Marini;  di Lungro, Michele Iannuzzi; di Cerzeto, Francesco Lata e  di Santa Caterina Albanese, Fernando Papa.

Per quanto riguarda l’area grecanica, sono stati nominati i sindaci di Bova, Leo Andrea Casile e  di Palazzi, Luciano Francesco; per l’area occitana il sindaco di Guardia Piemontese, Andrea Muglia.

Nei prossimi giorni saranno nominati dalle associazioni, legalmente riconosciute e operanti sul territorio regionale, quattro personalitą
parlanti le lingue oggetto di tutela, di cui  due di lingua albanese, una di lingua greca e una di lingua occitana.

Del comitato regionale (CO.RE.MI.LI.) fanno parte anche il dirigente generale del dipartimento cultura o un suo delegato e due esperti scelti tra le discipline linguistiche storiche e/o antropologiche delle universitą di Cosenza e Reggio Calabria.

In questa prima fase saranno destinati come risorse finanziarie duecentomila euro a disposizione degli Istituti Culturali di San Demetrio Corone, Bova Marina e Guardia Piemontese, che serviranno ad attivare un’apposita programmazione.

Gennaro De Cicco

priru / torna