Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
 

SAN DEMETRIO CORONE:

L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI PREPARA PER LA NUOVA TOPONOMASTICA  

San Demetrio Corone .- L’Amministrazione comunale di San Demetrio Corone si prepara a redigere la nuova toponomastica.

La volontą di modificare la toponomastica esistente e di istituire quella bilingue, comunicata in consiglio comunale, č emersa in un incontro che il primo cittadino ha avuto con il gruppo di maggioranza.

La nuova toponomastica, per il Sindaco Sen. Cesare Marini, darą l’opportunitą agli studiosi di ricercare negli annali della storia l’elenco dei personaggi che hanno dato prestigio alla comunitą sandemetrese.

Nella denominazione delle oltre duecentocinquanta strade, secondo Marini, troveranno spazio anche i “figli” illustri dell’arbėria e i personaggi legati alla politica e alla cultura regionale, nazionale e internazionale

Nel corso della riunione sono stati stabiliti i criteri con cui si dovrebbe arrivare alla realizzazione del progetto, finanziato in base alla Legge 482/99: “Norme in materia di minoranze linguistiche storiche”.

A dare le prime indicazioni saranno i cittadini che verranno coinvolti nei prossimi giorni in pił commissioni.

L’Amministrazione comunale, quindi, si affiderą a delle commissioni composte non solo da consiglieri, ma  anche da soggetti esterni al consiglio comunale, particolarmente motivati a dare un contributo di idee alla nuova toponomastica.

Sarą, poi, l’esecutivo, che potrą avvalersi di ulteriori consigli tecnici, ed approvarne la proposta.

Lo stesso esecutivo ha espresso l’intenzione di non modificare i toponimi esistenti.

Alcune indicazioni, comunque, erano gią emerse nel corso di un dibattito sulla nuova toponomastica a cui aveva partecipato lo storico Salvatore Bugliaro su esplicito invito dell’Amministrazione comunale.

Lo studioso, dopo aver precisato che  l’attuale denominazione risale addirittura alla fine dell’ottocento, aveva ribadito che non č necessario modificare totalmente la toponomastica esistente. Semmai č opportuno eliminare la denominazione di “vico I, vico II…” ed istituire la toponomastica bilingue, privilegiando i toponimi sandemetresi ed affidarsi, successivamente, a quelli indicanti personaggi storici non solo arbėreshė, ma anche calabresi e nazionali.

Lo stesso Bugliaro suggeriva di creare una o pił commissioni  composte da esperti della storia della comunitą e di  pubblicare un volume di illustrazione della nuova toponomastica.

Gennaro De Cicco

priru / torna