Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

LA PITTURA DELL’ARTISTA MARIA CREDIDIO IN UN CATALOGO PUBBLICATO DALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN DEMETRIO CORONE

“Diversità nella continuità dell’arte” è il titolo del libro d’Arte di Maria Credidio, pubblicato da Ferrari Editore, per conto dell’Amministrazione comunale di San Demetrio Corone, col patrocinio dell’ Unione Europea,  della Regione Calabria e della Provincia di Cosenza.

Il Catalogo è stato curato dal critico d’arte Settimio Ferrari, che gli ha voluto dare il titolo scelto dal noto critico d’arte Luigi Tallarico di Roma, Presidente del Centro Studi “Futurismo – Oggi” e Storia delle politiche fra le due guerre”.

Sono presenti nel testo contributi importanti, quali quelli dei critici Paolo Levi (Torino), Boris Brollo (Venezia), Biagio Fichera (Catania), e dei conterranei Giuseppe Selvaggi, Gianni Mazzei, Salvatore Bugliaro, Pasquale De Marco, Michelangelo La Luna, Sharo Gambino, Matilde Tortora, Francesco Fusca, e del noto professore di Psicoterapia psicoanalitica Oreste Bellini (Università di Napoli). Non mancano i consensi dei noti artisti contemporanei come Salvatore Fiume, Silvio Vigliaturo, Ibrahim Kodra.

Maria Credidio, nata a Terranova da Sibari, residente per molti anni a San Demetrio Corone, è ideatrice e Presidente della Biennale d’Arte Magna Grecia, Direttore artistico del Premio San Nilo, Presidente e delegato provinciale dell’Ordine Accademico Internazionale del Verbano e membro onorario del Comitato di Gestione del Museo Civico d’Arte “Silvio Vigliaturo”.

Ha esposto in molte città italiane e all’estero; è stata presente all’Artexpo di New York, alle Fiere Internazionali d’Arte di Francoforte e Siviglia, al Festival di Copenaghen, a Dacca in Bangladesh, alla Fiera d’arte contemporanea “Arte Padova”, alla “MiArt” di Milano, alla 59^ Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

Ha tenuto lezioni di pittura e ceramica agli studenti dell’Università di Rhode Island e della Harward University; dopo la tragedia dell’11 settembre, è stata presente a Manhattan, nella 34^ Strada, con “Installazioni sulla pace”.

L’arte di Maria Credidio è il frutto di una continua ricerca di tecniche di espressione.

Come scrive il critico d’arte Luigi Tallarico, “…La sua opera, sia grafica che pittorica, ha seguito un percorso coerente e in sintonia con le espressioni dell’arte del ’900. Le forme sono state sviluppate seguendo le leggi autonome che regolano l’espressione dei singoli generi. Lo svolgimento pittorico si collega al percorso futurista e informale, tendente a mettere in risalto il movimento e la presenza materia…l’artista ha operato la svolta tra l’opera legata alla visione verso quella della concezione”. E conclude, sottolineando che “diversità nella continuità” si basa sul presupposto innegabile che non è possibile che un artista compia “una operazione assolutamente identica ad un’altra”.

Gennaro De Cicco

priru / torna