ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëvet të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

INAUGURATA A PRESHEVË UN’OPERA MONUMENTALE DI HEVZI NUHIU

La settimana scorsa a Preshevë (Kosova) è stata inaugurata un’opera realizzata dallo scultore kosovaro Hevzi Nuhiu, che ormai da anni vive ed opera in Calabria, a San Demetrio Corone.

Lo scultore ha voluto eternare anche in questo pezzo di terra albanese la figura di Madre Teresa, simbolo della pace, dell’amore e della bontà, attraverso un ritratto scolpito su roccia.

Si tratta di un bassorilievo (dimensioni 180 x 95 cm) realizzato su un’imponente roccia, chiamata “Guri i Bazenit”, che si presenta al visitatore all’entrata della città, inciso a una profondità di 7 cm e a un’altezza di 5 m da terra.

L’inaugurazione è stata fatta alla presenza di Don Lush Gjergji, Presidente dell’Associazione umanitaria “Madre Teresa”, di Nazmi Arifi, Presidente del Consiglio di Preshevë, di numerosi giornalisti e di un folto pubblico. La rivista Perspektiva, fra l’altro, ha dedicato all’evento l’intera copertina.

Nel suo discorso inaugurale Don Lush Gjergji ha detto che nonostante gli albanesi abbiano raggiunto un’unione formale, sentono ancora il bisogno di unire le loro menti e i loro cuori, e ha espresso, in questa occasione, la speranza che l’opera svolta da Madre Teresa sia un punto di riferimento per il popolo di Preshevë e per il mondo intero.

Anche il pittore Demir Behluli è intervenuto, dicendo che Hevzi ha voluto simboleggiare Madre Teresa che con la sua bontà è riuscita a riscaldare ed addolcire perfino la fredda e dura pietra, dandole così vita.

Lo scultore Hevzi Nuhiu, in un’intervista, si è detto felice di aver realizzato un sogno, quello di portare l’immagine di Madre Teresa nel suo luogo natio.

Ha raccontato del suo museo all’aperto, a San Demetrio Corone, che comprende una quindicina di opere, tra cui Madre Teresa scolpita su una quercia e, con questa ultima creazione, ha preannunciato l’intenzione di creare un museo all’aperto sulle figure più illustri della storia albanese, per dare, attraverso le opere artistiche, una spinta all’unione sempre maggiore del popolo albanese.

Nuhiu è arrivato a San Demetrio Corone nel 1983. Da allora svolge la sua attività di scultore con passione, lavorando indifferentemente il legno e la pietra con maestria.

Recentemente un catalogo con tutte le sue più belle creazioni dal titolo “Magica creatività d’ Oriente” è stato pubblicato dall’Amministrazione comunale.

Gennaro De Cicco

LA PROVINCIA COSENTINA 30/11/2006

Vedi servizio fotografico

priru / torna