Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
ARBITALIA presenta
Gli Arbëreshë della Calabria - SAN DEMETRIO CORONE

SPAZIO A CURA DI GENNARO DE CICCO

SAN DEMETRIO CORONE: RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE,

POLEMICHE PER L’INSTALLAZIONE DI UN’ANTENNA DI TELEFONIA MOBILE

San Demetrio Corone / Shën Mitri K.- Anche il Consiglio comunale di San Demetrio Corone ha voluto ricordare la memoria del compianto Sindaco di Cosenza On. Giacomo Mancini, figura eminente della vita politica e sociale calabrese. In apertura di seduta, il Sen. Cesare Marini, ha ripercorso l’intensa attività politico-amministrativa dell’ex segretario del P.S.I., definendolo un meridionalista convinto. Al profondo cordoglio espresso dai consiglieri di maggioranza si è associato anche il gruppo di minoranza.

La trattazione degli argomenti previsti all’ordine del giorno è stata preceduta da una interrogazione dell’opposizione, riguardante una recinzione, alquanto anomala, in pieno centro storico. Il Sindaco, senza riservarsi di rispondere successivamente, ha affermato che la zona in questione è interessata a verde pubblico attrezzato.

Sulla richiesta di revoca della concessione edilizia n.3 / 2001 rilasciata alla TIM per l’installazione di un’antenna per telefonia cellulare in contrada Sepe si è sviluppato un dibattito molto intenso con posizioni contrapposte. Oltre al Sindaco, sono intervenuti i consiglieri di Rinascita Sandemetrese Stefano Liguori e Giuseppe Liguori , il vice-sindaco Giuseppe Sangermano e gli assessori Mimmo De Paola e Antonio Sposato.

Per il consigliere Stefano Liguori, l’accertamento di eventuali danni delle onde elettromagnetiche sui cittadini doveva essere prioritario rispetto a qualsiasi autorizzazione che non poteva, comunque, essere rilasciata dal funzionario comunale se non prima  sottoposta al Consiglio comunale o approvata dalla Conferenza dei servizi. Il gruppo consiliare Rinascita Sandemetrese, interprete dello stato d’allarme diffuso della popolazione, ma soprattutto della angosciata preoccupazione dei cittadini abitanti o aventi terreni nella contrada Sepe, prima di ogni qualsiasi autorizzazione, avrebbe preferito una discussione aperta e responsabile sugli effetti nocivi dell’inquinamento da elettro-smog e sulla determinazione del sito.

 Di tutt’altra opinione Cesare Marini.

Secondo il primo cittadino, dinnanzi ai requisiti di corrispondenza allo strumento urbanistico e all’ autorizzazione del Presidio multizonale di prevenzione presentati dalla Tim, il Comune non poteva esimersi al rilascio della concessione  edilizia.

A conforto della non nocività dell’impianto, inoltre, una serie di testimonianze scientifiche.

Saranno, comunque, interpellati tecnici altamente qualificati per verificare il grado di inquinamento da elettromagnetismo, non solo dell’antenna di contrada Sepe, ma di tutte le fonti di emissione esistenti nel territorio di San Demetrio Corone.

Dopo aver esaminato la richiesta dei Signori Bruno e Spagnolo e aver svincolato un’area adiacente le abitazione delle case popolari in contrada Conicella, gli altri argomenti sono stati rinviati ad una delle prossime sedute.

Il Consiglio ha, altresì, delegato l’esecutivo agli adempimenti necessari per partecipare al partenariato del PI.F (Piano integrato di filiera olearia).

 Gennaro DE CICCO

priru / torna