Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  

ARBITALIA news

 

Gazzetta del 11 gennaio 2003
San Demetrio Corone Il compito sarą affidato a consiglieri comunali e cittadini
Toponomastica da rivedere

«Solo 27 delle 150 strade del centro cittadino hanno un nome. Č quindi improcrastinabile procedere alla realizzazione della nuova toponomastica». Ha cosģ esordito il senatore Cesare Marini, sindaco di San Demetrio Corone, introducendo il convegno che ha avuto come relatore lo storico Salvatore Bugliaro, autore di pregevoli saggi sulla storia degli Albanesi d'Italia. Č nostra intenzione – ha poi detto il sindaco Marini – istituire delle commissioni, pur essendo per legge competente la Giunta, per coinvolgere consiglieri comunali e singoli cittadini. La denominazione esistente, che comprende per lo pił personaggi o luoghi dell'antica Grecia, non verrą ritoccata. Saranno ricordati personaggi nazionali, pensatori del Mezzogiorno e, naturalmente, insigne personalitą italo–albanesi. Lo storico Salvatore Bugliaro ha sottolineato la particolare importanza storico–linguistica ed educativa che riveste la toponomastica che č composta da toponimi propri (luoghi geografici), comuni (termini dialettali, fenomeni naturali o umani), complessi (toponimi comuni pił attributi). Molti di questi toponimi – ha poi detto lo storico arberesh – risalgono al '700 e si possono desumere dal catasto onciario che divideva il paese in rioni che prendevano nome dalla famiglia pił in vista (Braile, Lopez, Marini, Ieno, Bellucci, Macrģ, Cassiano, Liguori). La toponomastica urbana vera e propria č stata invece istituita verso la fine dell'Ottocento e ha avuto nel poeta Girolamo De Rada, allora consigliere comunale, il suo ispiratore. Pochissimi, da allora, gli interventi effettuati. Come criteri da seguire nella composizione della nuova toponomastica, Bugliaro ha suggerito di non modificare quella esistente, scritte bilingue(italiano e arberesh), indicazione dell'anno di nascita e della qualifica dei personaggi, eliminazione dell'attuale diffuso uso dei vicoli, costituzione di zone omogenee e, a lavoro concluso, pubblicazione di un testo con la spiegazione dei toponimi e con brevi note biografiche dei nomi inclusi.

Pasquale De Marco

priru / torna