ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka Shėn Mitri / Notizie da San Demetrio Corone
 

L’ARBERIA Č IN LUTTO PER LA SCOMPARSA DELL’ARCHIMANDRITA ELEUTERIO FORTINO

L’Arberia č in lutto. E’ deceduto mercoledģ sera intorno alle 21 a Roma, nel policlinico di Tor Vergata, l’Archimandrita Eleuterio Fortino, originario di San Benedetto Ullano. Aveva 72 anni.

Completata la  formazione teologica e filosofica a Roma presso il Collegio Greco di Sant’Atanasio,  viene ordinato sacerdote nel 1962. Tre anni dopo č nominato segretario per l’unitą dei cristiani e per un decennio č stato responsabile dello stesso Pontificio consiglio, svolgendo un importante ruolo  ecumenico nel dialogo fra la Chiesa Cattolica e le Chiese Ortodosse.

Nominato Cappellano del Santo Padre da Papa Paolo VI, Prelato e Protonotariato Apostolico da Papa Giovanni Paolo II, riceve nel 2007 la “Rosa d’argento” a riconoscimento della incessante e proficua attivitą svolta nelle relazioni tra il Vaticano e le Chiese Ortodosso-Orientali  e, nel 2009, il Premio Arberia a San Demetrio Corone.

Autore di diverse pubblicazioni: “Liturgia greca”, “La Chiesa bizantina albanese in Calabria: tensioni  e comunione”, “Il dialogo ecumenico verso il Terzo millennio” e oltre cinquanta sussidi catechetici. Mons. Fortino ha inoltre collaborato con “L’Osservatore romano” e fondato e diretto il mensile culturale e religioso “Besa”. Forte e appassionato il suo impegno per la difesa del patrimonio culturale della minoranza arbёreshe.

Oggi a Roma, alle ore 16, nella “sua” chiesa di Sant’Atanasio in via del Babuino, verrą celebrato il “trisaghion”, preghiera per i defunti, mentre i funerali si svolgeranno domani pomeriggio a San Benedetto Ullano.

Tra i messaggi di cordoglio quello del Metropolita Gennadios Zervos, rappresentante del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli in Italia e Malta: “Mons. Fortino era una persona eccezionale. Perdiamo un amico, un fratello con cui per anni abbiamo lavorato insieme per l’unitą dei cristiani. Era una persona aperta e libera, comprensiva, molto stimata da tutti. Una persona che rimarrą per sempre nei nostri cuori”.

 Pasquale De Marco

 

priru / torna