Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
ARBITALIA presenta
 

 

ERCOLE LUPINACCI

VESCOVO DI LUNGRO

                              Al Rev.mo Clero, Religiosi, Religiose e Fedeli laici

Carissimi,

                   in preparazione alla Quaresima, la Chiesa ci fa percorrere cinque domeniche, indicandoci, con i brani evangelici,  cinque virtù e disposizioni che sono necessarie a chiunque  intenda introdursi con profitto spirituale nella "radiosa tristezza"  del periodo quaresimale.

Come in Zaccheo, in noi deve nascere un forte  desiderio dell'incontro con Cristo. L'  umiltà del pubblicano ci deve portare al proposito del ritorno alla casa del Padre, come ha fatto il figlio prodigo. Il pensiero del giudizio finale nella domenica di carnevale ci fa approdare al perdono vicendevole nella domenica del tirofàgo. "Così, molto prima che inizi lo sforzo vero e proprio della Quaresima, la Chiesa attira la nostra attenzione sulla serietà di questo tempo e ci invita a meditarne il senso".

MESSAGGIO DEL PAPA PER LA QUARESIMA

                   "Il tema di quest'anno - "Chi accoglie uno solo di questi bambini, in nome mio, accoglie me" (Mt 18,15) - offre l'opportunità di riflettere sulla condizione dei bambini, che anche oggi Gesù chiama a sè e addita come esempio a coloro che vogliono diventare suoi discepoli. Le parole di Gesù costituiscono un'esortazione a esaminare come sono trattati i bambini nelle nostre famiglie, nella società civile e nella Chiesa. Gesù amò i bambini e li predilesse. Egli pertando, vuole che la comunità apra loro le braccia e il cuore come a Lui stesso. Ai bambini Gesù affianca i 'fratelli più piccoli', cioè i miseri, i bisognosi, gli affamati e assetati, i forestieri, i nudi, i malati, i carcerati. Accoglierli e amarli, o invece trattarli con indifferenza e rifiutarli, è riservare a Lui lo stesso atteggiamento, perchè in loro Egli si rende particolarmente presente.

Penso con grata ammirazione a coloro che si prendono cura della formazione dell'infanzia in difficoltà e alleviano le sofferenze dei bambini e dei loro familiari, causate dai conflitti e dalla violenza, dalla mancanza di cibo e di acqua, dall'emigrazione forzata e da tante fonti di ingiustizia esistenti nel mondo.

Accanto a tanta generosità si deve però registrare anche l'egoismo di quanti non 'accolgono' i bambini. Ci sono minori che sono feriti profondamente dalla violenza degli adulti: abusi sessuali, avviamento alla prostituzione, coinvolgimento nello spaccio e nell'uso della droga; bambini obbligati a lavorare o arruolati per combattere; innocenti segnati per sempre dalla disgregazione familiare; piccoli travolti dal turpe traffico di organi e di persone. E che dire della tragedia dell'AIDS con conseguenze devastanti in Africa? Si parla ormai di milioni di persone colpite da questo flagello, e di queste tantissime sono state contagiate sin dalla nascita. L'umanità non può chiudere gli occhi di fronte a un dramma così preoccupante!  

Cari fratelli e sorelle, iniziamo con fiducia l'itinerario quaresimale animati da più intensa preghiera, penitenza e attenzione verso i bisognosi. La Quaresima sia, in particolare, utile occasione per dedicare maggiore cura ai bambini, nel proprio ambiente familiare e sociale: essi sono il futuro dell'umanità.

RITIRO DI CLERO

                      Giovedì 19 febbraio, con inizio alle ore 9,30, nella Parrocchia "SS.Salvatore" di Lungro, P.Pino Stancari detterà la meditazione al Clero riunito in fraterna comunione.

                            Invocando la Benedizione del Signore, vi porgo un cordiale saluto. 

 

+ Ercole Lupinacci, Vescovo

 

Lungro, 10. 02. 2004

priru / torna