Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

SPEZZANO ALBANESE: GIORNALISTI PER UN GIORNO

Il liceo scientifico “V. Bachelet” si aggiudica per il secondo anno consecutivo il Premio Nazionale Scolastico “Giornalista per un giorno”, indetto dall’Associazione Nazionale Giornalismo Scolastico “Alboscuola”, col patrocinio del Ministero per le Pari Opportunità. Alla cerimonia di premiazione svoltasi al Palaterme di Fiuggi il 18 e 19 maggio scorsi, erano presenti per la redazione del “Bachelet” gli alunni Francesco Salvatore Liguori, Azzurra Tocci, Letizia Posteraro e la curatrice del giornale di Istituto on-line, la prof. Franca Faraco.

Il premio nazionale “Giornalista per un giorno” è l’unico riconoscimento che valorizza l’attività redazionale dei giornali di Istituto on-line pubblicati sul circuito alboscuole.it. 19 le regioni partecipanti, 1.746 le scuole, 13.551 gli articoli pubblicati, 64 gli istituti superiori vincitori e fra questi il “Bachelet” di Spezzano. La cerimonia apertasi col saluto del presidente Alboscuole, Ettore Cristiani, è proseguita con un convegno-cineforum su “Giornalismo e navigazione sicura” con la partecipazione di vari esponenti del mondo della cultura. A seguire la consegna dei premi intervallata da momenti di arte e spettacolo.

Soddisfatta del riconoscimento dell’ambìto premio conquistato dai suoi alunni, la prof. Faraco che ha dichiarato:«Anche quest’anno, grazie ad “Alboscuole”, siamo usciti dalla ristretta realtà territoriale. La cerimonia di premiazione è stata l’apoteosi festosa di un anno scolastico di lavoro delle redazioni studentesche di tutta Italia, nonché un momento di intenso scambio culturale. E’ stato bello vedere studenti, dirigenti e docenti, dal nord al sud, convergere al meeting e condividere le proprie ansie e le proprie gioie con i colleghi di tutta Italia. Un forte ringraziamento va al nostro dirigente scolastico, prof. Antonio Scalcione che anche quest’anno ha creduto in noi, garantendoci l’opportunità di dare voce alle nostre idee».

Raffaele Fera

priru / torna