Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

Convegni, mostre ed esibizioni durante tutto il periodo pasquale

Week-end all’insegna delle "Valle" e delle rapsodie tradizionali

Dopo il successo della “I Fiera dei Comuni arbëreshë”, conclusasi a Frascineto domenica scorsa, e che ha visto la partecipazione di ben ventidue Comuni provenienti da tutta Italia, proseguono le iniziative organizzate per il periodo pasquale.

Momenti all’insegna della rievocazione storica e del folclore tipico, ma anche incontri di studio con il coinvolgimento di personalità accademiche per approfondire gli aspetti storico-artistici, economico-sociali e rituali delle minoranze linguistiche. Tante occasioni di incontro che rientrano all’interno delle celebrazioni in occasione del seicentesimo anniversario della nascita di Giorgio Kastriota Scanderbeg, eroe nazionale d’Albania.

Una fitta rete di appuntamenti, patrocinati dalla Regione Calabria, Provincia di Cosenza, Comunità Montana italo-arbëreshe del Pollino, Pro-loco di Frascineto, Parco Nazionale del Pollino, Apt Cosenza, Gal Pollino Sviluppo, trasformerà la cittadina alle falde del Pollino in “capitale dell’Arberia”. 

Il primo incontro sulla figura di “Giorgio Kastriota Scanderbeg nella storia” si terrà sabato 26 marzo e vedrà confrontarsi storici italiani e stranieri del calibro di Pellumb Xhufi, Valentina Duka e Matteo Mandalà. Nello stesso giorno sarà inaugurata un’importantissima mostra di 38 testi e 2 manoscritti sull’eroe albanese, risalenti anche al sedicesimo secolo. La collezione appartenente all’inglese Patricia Nugee, già negli anni scorsi è stata esposta nel Collegio di Eaton, presso l’università di Cambridge e presso l’università di Pristina nel Kosovo. Ed ancora un interessante momento espositivo con le icone del maestro Josif Drobroniku.  <<Cercheremo – ha detto Pietro Armentano, assessore alla cultura della Comunità montana  - di approfondire lo Scanderbeg anche sotto il profilo artistico e letterario. Stiamo allestendo tra l’altro una rappresentazione teatrale sulla vita di questo eroe a noi molto caro>>. <<Fra le altre manifestazione nel cassetto – ha concluso Armentano – vi è la consegna della cittadinanza onoraria allo scrittore di fama mondiale, più volte candidato al premio Nobel per la letteratura, Ismail Kadare nato ad Argirocastro, e la commemorazione dei papàs Francesco Solano e Domenico Bellizzi>>.

Momenti di folclore accompagneranno le giornate di lunedì e martedì di Pasqua in cui si registrerà la presenza dei gruppi provenienti dall’Albania, dalla Kosova e dalla Grecia. A fare da regina durante queste due giornate sarà comunque la “Vallja”. Una singolare danza popolare, eseguita a passo lento e solenne per le strade del paese, ora avvolgendosi in cerchio ora snodandosi ed incamminandosi a spiarle. Un tripudio di colori ed uno sfavillio di costumi dorati, semplici ed eleganti, di linea sobria e singolarissima percorrerà le vie della comunità come serpenti e allo stesso tempo rappresenterà un tuffo nella mitologia classica attraverso i versi delle rapsodie albanesi. Accanto allo scenario armonioso dei balli tondi seguirà l’esercito di Scanderbeg, il rito della Kutulla e i Tintori.

Nel pomeriggio di martedì 29 marzo le Poste Italiane, su richiesta dell’Amministrazione comunale, emetteranno un annullo postale per ricordare il seicentesimo anniversario della nascita di Scanderbeg. Altro incontro culturale sul tema “La Calabria settentrionale nel Medioevo – Gli insediamenti monastici a Frascineto e nel Pollino” è previsto per sabato 9 aprile; relazioneranno Giuseppe Roma, Gaetano Passarelli, Attilio Vaccaio e Francesco Prosperetti. Si concluderà domenica 10 aprile con i festeggiamenti per la Madonna di Lassù. Un modo, insomma, per “creare – ha asserito il primo cittadino Braile – spazi d’incontro e di confronto al fine di crescere sempre più ed in armonia con lo sviluppo globale dell’Arberia”.

Giuseppe Falduto

Giovanvincenzo Santagada

priru / torna