Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
ARBITALIA presenta
Gli Arbėreshė della Calabria - FRASCINETO

Padre Pio, fede o beghe di paese?

Il battage televisivo a cui abbiamo assistito dopo la canonizzazione di padre Pio ha avvicinato, ultimamente, tutti gli italiani a questa stupenda figura di Santo. Anche Frascineto, piccola comunitą arbėreshe alle falde del Pollino, vuole venerare il Santo dedicandogli un angolo del proprio paese, tant’č che si č costituito un comitato cittadino per la realizzazione di una statua.

Nelle nostre comunitą arbėreshe, perņ alcuni fenomeni di massa, pur se frutto della pietą popolare e pur se nati con intenti nobili, spesso rischiano di omologare alla cultura indigena, come in questo caso, una realtą che da pił di cinquecento anni lotta per differenziarsi da quella stessa cultura.

Oggi, dopo tanto tempo, anche il legislatore riconosce il grande valore delle minoranze etniche , non si capisce come mai gli stessi arbėreshe allentano la difesa della salvaguardia etnica.

Sulla questione, in una riunione pubblica tenutasi martedģ scorso presso la canonica, le massime istituzioni della comunitą: il sindaco, Francesco Pellicano, i Parroci delle due parrocchie Don Emanuele Giordano e Don Vincenzo Scarvaglione, il dirigente scolastico Emilia Blaiotta si sono espresse unanimemente a favore di un’opera monumentale da dedicare al Santo di Pietrelcina che possa perņ conciliarsi con i canoni bizantini, e hanno proposto di sostituire l’idea della comune statua tridimensionale, che ormai sorge nelle ville di ogni paese,   con un mosaico che, oltre a risultare pił originale rispetto alla lunga serie di statue, assumerebbe una valore artistico e culturale vantaggioso per l’intero paese. Rispetto alle proposte illustrate da parte delle tre istituzioni con competenza e dovizia di contenuti, il comitato cittadino ha perņ dimostrato di essere stranamente insensibile. Purtroppo la discussione, qualche volta, č scesa di tono, per cui, viene spontaneo chiedersi: come mai in mezzo alle beghe di paese, che non avrebbero motivo di esistere se si pensasse seriamente al bene della propria anima e della propria comunitą, si č voluto infilare proprio la figura di un Santo che non merita affatto di essere usato per fare la “guerra” ?.

Se il popolo chiede, sono le istituzioni che devono rispondere, indicando le vie pił giuste da seguire, altrimenti, in nome del popolo, ognuno potrą condurre le battaglie personali e domani, forse, nascerą un comitato che sarą contro l’insegnamento della lingua arbėreshe nella scuola, dopodomani uno che vorrą togliere il rito bizantino - greco dalle nostre chiese. In questo frangente abbiamo bisogno di volare alto e la spiritualitą bizantina ci ha abituati a farlo; l’effige di Padre Pio che verrą eretta a Frascineto segnerą sicuramente un momento storico per l’intero paese, se di crescita o meno non si sa, certo č che, se la nostra fede ha urgente bisogno di una statua per esprimersi, forse dovremmo mettere in discussione non solo la nostra “arbėreshitą” ma anche la nostra religiositą.

Giuseppe Falduto

priru / torna