Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

CONVEGNO A CIVITA PER I 36 ANNI DELLA RIVISTA KATUNDI YNE

Valorizzare l’Arbėria, una battaglia ideale

CIVITA. Il Circolo di Cultura “Gennaro Placco”, il Museo e la rivista “Katundy Ynė” sono ormai una ”istituzione”.

Un appuntamento -quello del 4 gennaio scorso- che si rinnova, anno dopo anno, ormai da decenni, conosciuto da tutti, rinomato positivamente e ricordato per la qualitą dell’offerta informativa e formativa.

Anche il 2006 ha aperto il suo corso con un incontro significativo nella sede del Museo, stracolmo di persone provenienti da vicino e da lontano, avente per oggetto i 36 anni di “Katundi Ynė” e il ruolo dell’Associazionismo nella socio-cultura delle attivitą del Territorio.

La serata č sfilata via tra relazioni ed interventi di varie personalitą della cultura italo-albanese, tra musiche e canti di autori provenienti dai comunitą arbėreshe calabresi.

La valorizzazione della cultura minoritaria arbėreshe, il mantenimento di alcuni valori tradizionali e le connessioni con l’informazione giornalistica, sono stati i temi toccati da chi č intervenuto nel dibattito.

Demetrio Emmanuele, strenuo difensore dell’arbėreshitą da circa quarant’anni, ha esordito facendo appello, ancora una volta, a: “besa dhe ndera”, sottolineando come la parola data, mantenuta alta nel tempo, e l’onore siano baluardi avanzati nella cangiante ed effimera “societą conoscitiva” dei media caldi e freddi: «Solo la passione e l’orgoglio possono ancora scaldare -ha detto- sostenere e vincere una battaglia ideale, di Culture e di Civiltą».

Tale tematica, approfondita anche da Francesco Fusca, Alessandro Rennis e ripresa poi da Paolo Borgia di Piana degli Albanesi (Palermo), č stata un po’ il fil rouge che ha attraversato la serata di Civita, nel Museo dei ‘beni’ spirituali e materiali dell’Arbėshitą, tra propositi e speranze legate anche alle scelte politiche locali, regionali e nazionali, auspicandosi una migliore applicazione della Legge n. 482/99.

Johnny Fusca

priru / torna