Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

PUBBLICATO IL DIZIONARIO “ARBASHKUAR” DI BELLUSCI-D’AGOSTINO

In più di 10.000 termini le parlate degli arbëreshë di Calabria

E’ uscito recentemente il primo volume della collana “Minoranze linguistiche” intitolato “Arbashkuar”, edito da Orizzonti Meridionali. Si tratta di un dizionario illustrato Italiano-Arbërisht-Squip, portato alla luce dopo un lungo lavoro di ricerca dal team di studiosi formato da Costantino Bellusci e Flavia D’Agostino.

Questo primo numero dell’opera, che si completerà con l’uscita totale di 15 volumi, è stato incentrato sulla storia e la lingua albanese di alcuni comuni dell’Arberia calabrese quali Acquaformosa, Civita, Ejanina, Firmo, Frascineto, Lungo, San Basile. Oltre a ciò, però, non mancano nel dizionario di Bellusci-D’Agostino anche i riferimenti storici e culturali alla stessa madrepatria Albania, come traspare dal minuzioso lavoro di comparazione dei termini effettuato dagli autori. Il dizionario, infatti, si propone come un ottimo strumento di studio per chiunque voglia conoscere ed approfondire la conoscenza delle parole comuni delle “parlate” degli Albanesi d’Italia, le loro varianti tra i vari centri e le dovute comparazioni con l’odierno albanese d’Albania.

Costantino Bellusci, arbëresh di  Plataci, è docente di R.C. nelle scuole medie ed elementari. Dopo gli studi giovanili in Scienze Religiose, ha continuato il percorso nella Pontificia Università Lateranense per il conseguimento del Baccellierato in Sacra Teologia.

 Si interessa di storia delle tradizioni popolari e di linguistica, con preferenza per le parlate albanesi d’Italia. Questo primo volume, come detto, è solo il primo passo di un’ “Opera Omnia” che Bellusci sta curando in coordinato con Flavia D’Agostino. Quest’ultima, originaria di Civita, si è laureata presso l’Orientale di Napoli in Lingue e Letterature straniere moderne con indirizzo europeo. Dopo aver svolto un corso di Alfabetizzazione (lingua albanese) per gli alunni della scuola media di San Basile, ha pubblicato nel ’97 due cd-rom sul recupero delle tradizioni popolari di San Basile e sulla catalogazione dell’iconografia bizantina dei paesi arbëreshë del Pollino.

L’opera pubblicata dai due autori italo-albanesi è un dizionario arbëresh lessicografico – didattico che contiene oltre diecimila termini linguistici tra sinonimi, varianti, proverbi e frasi idiomatiche bilingue delle Comunità italo-albanesi esaminate che, per oltre il 70%, sono comuni a quelle della lingua madre albanese. «Abbiamo riportato -affermano gli autori nell’introduzione- tutte le parole più correnti e comuni delle varie parlate popolari, prestando attenzione ad inserire, prevalentemente, quelle più originali (ma non soltanto) che permettono agli Arbëreshë di comprendersi facilmente e di poter instaurare un discorso chiaro e completo nella loro lingua».

Nella prefazione al testo -scritta da Francesco Fusca- si legge: «Il lavoro svolto dalla D’Agostino e da Bellusci non è da immaginare tuttavia come un Dizionario “tout court”; al contrario, invece, esso è un organico contenitore, una eterogenea proposta di ricerca e di conoscenza “per i più studiosi” ma anche “per tutti”, perché percorsa da un intelligente fil rouge che la permea di senso e significato».

Johnny Fusca

priru / torna