Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

 LAUROPOLI - CONVEGNO SULLE MINORANZE ETNICHE

Si è tenuto nella mattinata di sabato 6 maggio 2006, presso l’Istituto Comprensivo “G. Troccoli” di Lauropoli, l’atteso convegno nazionale sul tema de “L’educazione alla conoscenza delle Minoranze etnico-linguistiche: il valore pedagogico dei beni culturali sul territorio. (Realtà a confronto)”. L’interessante incontro di studi, organizzato dal MiBAC sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica, con la collaborazione dell’istituto ospitante e del Centro di Ricerche per studi economici e sociali del Mezzogiorno, è stato seguito da una interessata rappresentanza delle classi terze, oltre che da vari insegnanti della scuola. A fine convegno, gli stessi hanno interagito con gli studiosi presenti in aula dando vita ad un dibattito davvero molto interessante.

A fare gli onori di casa ci ha pensato il dirigente scolastico Antonio Schifino. Nel suo breve intervento, questi ha rimarcato l’importanza di tali incontri di studio, tesi ad arricchire il bagaglio culturale di ognuno dei partecipanti.

La parola è poi passata al sindaco di Cassano Gianluca Gallo, che ha puntato l’attenzione sul nuovo progetto di legge che vuole la sibaritide provincia. «Stiamo lottando per ottenere la “Provincia italo-albanese della sibaritide e del Pollino” -ha affermato Gallo- proprio perché la differenziazione di carattere etnico è una marcia in più per noi calabresi. Questo concetto, comunque, deve essere ben inteso anche a livello nazionale». Il primo cittadino cassanese ha poi concluso sottolineando il valore dell’iniziativa, volano di crescita e di confronto tra culture, esortando i ragazzi a crescere secondo il principio che vuole le nuove generazioni “cittadini del mondo”.

Dopo il sindaco è intervenuto Claudio Dionesalvi, docente del “Troccoli”. Questi ha esplicato ai presenti il progetto “Senza barriere”, nel quale si è discusso di diversità culturale, linguistica e religiosa.

L’ispettore Miur Francesco Fusca ha sottolineato nel suo intervento il valore dell’integrazione culturale, facendo notare come il destino degli italo-albanesi sia strettamente legato al lavoro portato avanti da studiosi di origini nettamente italiane come Pierfranco Bruni; in conclusione ha rivolto ai ragazzi della scuola un invito a “studiare per rompere le catene”.

Giuseppe Trebisacce, ordinario dell’Unical, si è soffermato sulla sottile differenza tra multicultura e intercultura, specificando come il significato profondo del secondo concetto ancora non ci appartenga in modo significativo. Prima di cedere la parola, Trebisacce ha voluto fare una riflessione sul perché l’incontro sia stato seguito dai ragazzi, sottolineando come il sapersi confrontare sia sempre un ottimo viatico per crescere culturalmente.

Ha concluso i lavori del convegno, moderati dal direttore di “Prospettive Meridionali” Martino Zuccaro, il presidente del “Comitato nazionale Minoranze linguistiche” Pierfranco Bruni, che ha toccato i temi della tradizione, dell’identità e dell’appartenenza, sottolineando il concetto di “memoria”, valore grazie al quale, oggi, le 12 minoranze riconosciute ufficialmente in Italia continuano ad esistere.

Johnny Fusca

priru / torna