Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

CULTURA MUSICALE E TRADIZIONE NELLE NOTE DEL M° ARCANGELO BUA

Il Maestro Arcangelo Bua di San Cosmo Albanese ha lasciato definitivamente l’incarico direttivo della Banda Musicale Comunale “Strigari”. Dopo oltre quarant’anni di partecipazione piena alla vita della sua amata Banda musicale, colui che possiamo definire il Direttore con la “D” maiuscola ha deciso di voltare pagina e cedere il passo ai più giovani. Per fargli onore e dargli la dovuta riconoscenza per la sua onorata carriera, l’Amministrazione locale ha addirittura organizzato una cerimonia apposita, tenutasi presso l’anfiteatro di San Cosmo lunedì 18 settembre, giorno dell’apertura dei festeggiamenti per i SS. Cosma e Damiano.

Alla manifestazione hanno presenziato autorità civili e religiose, nonchè il sindaco di San Cosmo Antonio Mondera e l’assessore Bifano. Per ricordare la gloriosa carriera del M° Bua, il sindaco ha voluto omaggiarlo di una pergamena recante la seguente dicitura: «Al M° Arcangelo Bua in segno di stima e profonda riconoscenza. Per l’impegno profuso nel corso di un quarantennio con grande abnegazione e spirito di sacrificio, per l’insegnamento e la promozione della nobile arte musicale e per la competente direzione di complessi bandistici nella nostra comunità».

Inutile sottolineare la partecipazione commossa dei familiari e dei componenti della Banda che, tutti insieme, hanno regalato al M° Bua una “bacchetta” da direzione a testimonianza del profondo senso di riconoscenza e rispetto. «Mi sono avvicinato alla musica molto tempo fa -ha affermato il M° Bua, parlando dei suoi esordi-. Avevo solo 15 anni ed erano tempi molto diversi da quelli di oggi, c’erano sicuramente meno svaghi. Io ed alcuni coetanei eravamo seguiti dal compianto M° Emanuele Sorrento. Tutte le sere ci ritrovavamo con un entusiasmo incredibile per studiare musica e su ogni lezione eravamo in competizione l’uno con l’altro, così da sorprendere positivamente il nostro insegnante».

Nel corso degli anni, poi, è toccato al M° Bua istruire i ragazzi del luogo. «Ho insegnato musica a quasi 150 ragazzi, ormai tutti cresciuti, che hanno appreso questo linguaggio con volontà e attenzione. Mi ricordo che nei primi anni Sessanta -ha raccontato il M° Bua- la Banda Musicale Santi Patroni cessò di esistere. La tradizione musicale rischiava di perdersi. Ed invece negli ultimi mesi del 1970, animato da un grande spirito di incitamento, azzardai un timido tentativo per invertire la tendenza negativa. Insieme ad altre persone iniziammo a ritrovarci e a studiare musica, sino al fatidico 4 aprile 1971, quando la neo costituita Banda Musicale Città di San Cosmo Albanese fece i suoi primi passi in pubblico, con me come Direttore».

Il M° Bua ha poi voluto ringraziare tutti per il riconoscimento conferitogli, sottolineando che ci vuole molto sacrificio per mantenere viva la tradizione della Banda musicale, da lui definita «un patrimonio e un’istituzione che non può essere dispersa». Infine il Maestro ha avuto parole di elogio per il nuovo direttore, Arcangelo Minisci, docente di conservatorio che ha iniziato la carriera proprio sotto la sua guida nel lontano 1971.

Johnny Fusca

priru / torna