ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka Ungra / Notizie da Lungro
 

L'ARBERIA INTERA E' IN LUTTO

E' MORTO A ROMA ALL'ETA' DI 69 ANNI

IL GIORNALISTA ALFREDO FREGA

A LUNGRO VENERDI' 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17.00 I FUNERALI

Alfredo č stato giornalista vero, un esempio di professionalitą e di amore per la propria terra. Ha fortemente voluto la nascita del Club dei Giornalisti Arbėreshė di cui ha rivestito la carica di presidente. E' stato inoltre collaboratore RAI con tantissimi servizi sul campo, operatore culturale e direttore del pił recente ciclo di trasmissioni "ARBERIATVOCCITANA", collaborando pił volte anche con Arbitalia, la nostra rivista on line. Ci legavano stima, affetto e amore per le culture minoritarie. Ricordo con forte emozione il servizio che dedicņ alla mia attivitą artistica ai tempi della Cooperativa Musicale Arbėreshe, quando giunse con il suo inseparabile registratore nel nostro magazzino della prove in via Roma a San Demetrio Corone e, tra suoni, canti, parole e botti di vino, rimase incantato da ciņ che stavamo realizzando. Era l'estate del 1983. Da allora ci unģ sempre una profonda intesa.

Alla figlia Maria le pił sentite condoglianze.

Pino Cacozza

Lo staff di Arbitalia

Lo vogliamo ricordare con due suoi significativi articoli

e con delle foto risalenti all'estate del 2004 in un momento di felice convivialitą.

Non ci sono parole per esprimere il dolore per la perdita di un caro amico, grande testimone della nostra storia.

Eterna sia la tua memoria, fratello nostro indimenticabile, e degna di beatitudine.........


PENSIERI - MESSAGGI - COMUNICATI

 

 

CIAO

ALFREDINO

Gli amici a cui hai donato la fraternitą di un rapporto ispirato  alla bonta, alla sinceritą, alla bonomia  e alla serenitą di comportamenti, alla Tua  saggezza e al Tuo impegno civile, Ti porteranno per sempre  nel loro cuore

Di Te ricorderanno le doti umane  e il Tuo culto  dei valori  della migliore comune tradizione  della nostra cultura , il contributo  che hai recato  alla salvaguardia di legami antichi, insegnandoci , con la Tua opera, che negli uomini non c’č avvenire senza il loro  passato.

Chi non ricorda , non vive.

Noi spargeremo  al vento il Tuo ricordo  perché nel cielo crescano i fiori.

Costantino Belluscio, Nicola Bavasso

 

 
 

......RICORDANDO ALFREDO FREGA

 
DA IERI NON E' PIU' CON NOI IL GIORNALISTA ALFREDO FREGA, UN MALORE SENZA RIPARO L'HA COLTO  A ROMA .
I FUNERALI VENERDI' POMERIGGIO A LUNGRO.
PRIMA DI TUTTO UN AMICO, UN GIORNALISTA DI GRANDE RISPETTO, LA MEMORIA STORICA DELL'ARBERIA, UN SIGNORE D'ALTRI TEMPI CON IL PENSIERO DI GRANDE INNOVATORE,  DISPONIBILITA' ILLIMITATA SEMPRE E CON TUTTI.
QUANTE SE NE INCONTRANO DI PERSONE COSI'  NELLA VITA!!! POCHI, LUI ERA UNO DI QUESTI.
TUTTI NOI ARBERESHE, APPASSIONATI ALLE NOSTRE TRADIZIONI E ALLA NOSTRA CULTURA, E NON SOLO NOI ARBERESHE, TUTTI QUELLI CHE HANNO AVUTO LA FORTUNA DI INCONTRARLO NELLA VITA, SANNO CHE DI ALFREDUCCIO SI SENTIRA' LA MANCANZA.
TUTTI QUANDO MUOIONO LASCIANO UN SEGNO MA ALCUNI LASCIANO ANCHE UN GRANDE VUOTO...........
 
ANNA STRATIGO'

 

 

 

 
 

Il Consiglio d'Amministrazione ed i soci del Bashkim Kulturor Arberesh di Spezzano Albanese ricordano l'amico e giornalista Alfredo Frega evidenziandone le doti morali, intellettuali e l'impegno instancabile profuso per la causa delle Minoranze linguistiche.

La sua scomparsa ha provocato un vuoto incolmabile ed un profondo dolore per chi lo ha conosciuto.
Lamtumir Alfred, na qendron perhere te zemra
                                                                                 Il BKA di Spezzano Albanese
 
 
 

Ho appreso con costernazione la prematura dipartita del nostro caro Alfredo Frega!!! Tanti ricordi e momenti trascorsi insieme mi legano a lui, una persona limpida, semplice ed attenta alla cultura.

Alfredo ha scritto il primo articolo su di me, quando mi esibivo in scenette comiche nel festival arberesh. Mi ha definito "attore senza palco" evidenziando la mia passione per le scene di strada!
Alfredo rimarrai sempre nel mio cuore
                                                                 Mario Caruso - attore arberesh di Spezzano Albanese
 
 
 

Ci dispiace per la morte di Alfredo, per noi una bella persona che ci ha aiutato a ricostruire la nostra identitą in un solo giorno.
I miei bisnonni sono emigrati provenienti da  Lungro a la Argentina alla fine del 1900, Nicolino Oliva (salinaro) e Teresa Frega (filatrice).

Insieme a Miko Cortese, abbiamo visitato Contrada Bregu (luogo di nascita dei miei antenati), la Chiesa di San Nicola di Mira (dove sono state sposate), il Re di Coppa ristorante (con i suoi tipici alimenti), e la sua impressionante Biblioteca.
Ha parlato con orgoglio di sua figlia, Maria e ha consigliato a le miei di imparare la lingua dei loro antenati fino a che potrebbero leggere la Divina Commedia.
Il nostro rispetto per la sua famiglia, soprattutto sua figlia Maria, in questi tempi difficili.
La ringrazio molto, Alfredo, di tutto cuore.

Famiglia Frega Oliva, Argentina

 

 
 

Alfredo Frega era uno di quei pochi giornalisti che sanno rendere assai proficuo il contatto con i loro interlocutori. Nelle interviste ai detentori del sapere tradizionale, egli sapeva comunicare e rendere appetibile la necessitą di fare luce sui diversi aspetti della cultura popolare e di quella italo-albanese in particolare. La sua curiositą intellettuale non si limitava, come spesso accade, alle comunitą arbėreshe che conservano la lingua originaria, ma si estendeva anche a quelle che rientrano a vario titolo nell'area italo-albanese. E' cosģ che, ad esempio, nel 2006 partecipņ a Cervicati a un incontro sulla vallja con un interessante intervento riguardante le attestazioni di fonte letteraria e giornalistica relative a questa antica miscela di danza e canto. Negli ultimi anni mi aveva invitato a partecipare a una ricerca su tutte le minoranze linguistiche presenti nella provincia di Cosenza, su cui, come č noto, era poi riuscito ad attivare la trasmissione televisiva settimanale ArberiaTVOccitana sull'emittente TEN. Un apporto costruttivo e sapiente per la valorizzazione delle culture minoritarie, che mancherą a quanti hanno a cuore questo tema ma che continuerą ad essere fecondo in chi saprą mettere a frutto la sua opera.

Vincenzo La Vena

 

 
 
 

 

priru / torna