Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
ARBITALIA presenta
Gli Arbėreshė della Calabria - LUNGRO

IL CONTRATTO RAI E LE MINORANZE LINGUISTICHE

A distanza di pił di tre anni dalla approvazione della legge di tutela delle minoranze linguistiche storiche italiane, in applicazione dell’articolo 12 del  provvedimento legislativo nazionale 482/99, il Ministero delle Comunicazioni, ha recentemente siglato con la RAI – Radiotelevisione Italiana s.p.a. il contratto di servizio relativo all’offerta televisiva.

Tale provvedimento  valevole per il triennio 2003-2005, assicurerą le condizioni necessarie per garantire la tutela delle minoranze linguistiche e storiche nell’ambito del sistema delle comunicazioni di massa  attraverso l’offerta televisiva, radiofonica e multimediale,  i contenuti editoriali, i servizi tecnologici per la produzione e per la trasmissione del segnale, la gestione economico-finanziaria e i sistemi di controllo e di monitoraggio. 

Con tale provvedimento, in sostanza, il servizio pubblico si impegna a  garantire, tra le altre cose, il pluralismo e la promozione della cultura locale  dedicando  particolare attenzione alle risorse culturali delle minoranze linguistiche.

Anche in questa circostanza, purtroppo, si evidenzia il grave ritardo della nostra regione nell’approvazione del provvedimento legislativo che da anni continua ad essere “palleggiato” tra i banchi della terza commissione nonostante le deroghe e gli obblighi dettati dalla legge quadro nazionale. 

Tale inadempienza attualmente costituisce un ostacolo concreto alla tutela e valorizzazione delle minoranze presenti nel territorio poiché mancando un strumento legislativo, in Calabria non solo non si potrą  stipulare una convenzione con la concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo, e con le emittenti private, ma non potranno trovare accoglienza progetti tesi a  salvaguardare e valorizzare  le popolazioni albanesi, grecaniche ed occitane.

Si spera che la stipula di tale contratto nazionale , possa stimolare gli organi regionali a portare a degna conclusione un provvedimento che  altre Regioni interessate a questa problematica  hanno da tempo adottato e che ha permesso loro di attuare una serie di progetti che tendono alla salvaguardia delle isole alloglotte e delle culture minoritarie nel proprio territorio

NICOLA BAVASSO

priru / torna