Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  

ARBITALIA news

 

"I giochi delle comunità italo-albanesi, tra memoria, nostalgia e attualità" di Damiano Azzinnari

Ancora un lavoro  editoriale tendente al recupero della memoria storica della diaspora arbereshe.

"I giochi delle comunità italo-albanesi, tra memoria, nostalgia e attualità", è il titolo del libro che il professore Damiano Azzinnari ha recentemente  dato alle stampe per la casa  editrice "Maria Annita Baffa" di Trento.

L’autore li ha rintracciati e riportati nel volume anche grazie all’aiuto di qualche anziano dalla buona memoria; preziosa fonte di consultazione per la descrizione di quei giochi più appannati dal tempo e appartenenti alla tradizione popolare  sandemetrese e di altri centri.

 Oltre al nome della attività di svago, la pubblicazione  riporta i luoghi,  i periodi dell’anno,  le festività religiose in cui veniva praticata e gli attrezzi usati. Forti momenti di socializzazione, semplici e divertenti, i giochi di una volta movimentavano la vita delle gjitonie (i vicinati) nei vecchi rioni e favorivano la   condivisione dei  sentimenti umani   in una dimensione di autentica collettività.      .

Un tuffo nel passato, tra memoria e nostalgia, che aiuta a non dimenticare. Il volume di Azzinnari consente di recuperare, attraverso una dettagliata descrizione di oltre cinquanta giochi, un tassello importante del passato remoto di molte comunità di lingua e cultura albanese. Buona anche l' idea di “rivedere” molti giochi attraverso immagini fotografiche con protagonisti ragazzi e bambini sandemetresi di oggi, intenti a praticare l’attività ludica di un tempo.

“Niente videogame, computer o playstation , poca televisione e forse un po’ di nostalgia per quei giochi così semplici, ma così belli. La verità – scrive l’autore – è una sola: ogni gioco è figlio del suo tempo, per cui mi piace ricordare quei divertimenti come testimonianze del tempo trascorso, senza nulla togliere ai sofisticati giochi di questa società tecnologica”.

 Adriano Mazziotti

priru / torna