Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  

ARBITALIA news

 

GIROLAMO  DE  RADA  RICORDATO  NELLA  SUA  MACCHIA ALBANESE

Manifestazione commemorativa la sera del 19 agosto nell’ambito delle cerimonie organizzate da enti e associazioni culturali in occasione del  I centenario della morte di Girolamo De Rada.

L’incontro culturale, tenutosi a Macchia Albanese, dove il “padre” della letteratura colta arbereshe venne al mondo nel 1814, è rientrato nel programma predisposto dal Centro internazionale di studi deradiani, sodalizio istituito nel dicembre 1999 nella ospitale frazione di S. Demetrio Corone su iniziativa del prof. Michelangelo La Luna, docente di lingua e letteratura italiana nella Harvard university di Cambridge (Usa) con l’intento di commemorare la memoria del più noto poeta arberesh e realizzare nel suo borgo natio un punto di riferimento ideale per quanti intendono conoscere e approfondire gli studi sul “Dante” della letteratura italo-albanese.

Due le iniziative  proposte dal Centro.

La presentazione del n° 41 della rivista culturale  “Microprovincia”, interamente dedicata alla figura del poeta di Macchia, contenente interventi, aneddoti, poesie, opinioni e rigorosi profili letterari nonché storici su De Rada, firmati da scrittori, critici letterari, giornalisti, saggisti e cultori di letteratura arbereshe..

L’altra iniziativa promossa dal Centro è stata la presentazione di una  elegante cartella grafica contenente due pregevoli litografie realizzate con la tecnica della sanguigna (disegno eseguito con un pastello rossastro), raffiguranti rispettivamente De Rada da vecchio che si appoggia a un bastone, e il busto del poeta. Sullo sfondo del primo disegno si intravede l’abitazione sandemetrese dove il poeta, a 89 anni, si spense un secolo fa ; nell’altro si nota uno scorcio del palazzo natio.  La tiratura complessiva delle litografie è stata fissata in 500 copie, singolarmente firmate dall’autore. La cartella, con  una introduzione  in italiano, inglese e spagnolo  a firma del presidente La Luna, si arricchisce di alcuni  giudizi su “I canti del Milosao” espressi da eminenti figure della letteratura europea (Hugo, Mistral, De Lamartine, Camet, Tommaseo e Kadarè) Il progetto grafico del lavoro è stato affidato a Maria Credidio, talentuosa e raffinata artista; a presentare la cartella era presente il critico d’arte e scrittore Gianni Mazzei.

All’incontro culturale hanno dato il  contributo   Italo Costante Fortino, docente di lingua e letteratura albanese presso l’Istituto Orientale di Napoli,   Michelangelo La Luna; lo storico Domenico Cassiano e  lo studioso di poesia albanese Vincenzo Belmonte. Le conclusioni sono state  tratte dal direttore della rivista, Franco Esposito, nativo di Macchia ma residente a Stresa, sede redazionale del periodico.

Adriano Mazziotti

priru / torna