Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  

ARBITALIA news

CARNEVALE A SAN DEMETRIO CORONE: "ZU' NICOLA"

Con una cerimonia imperniata sul recupero delle tradizioni popolari, cala il sipario anche sul Carnevale sandemetrese.

La maschera tipica di questa comunitą č legata a un personaggio che nella fantasia popolare   da tempo fa parte della storia locale : “Zu Nicola”.

 La tradizione lo vuole come un vecchio vestito di stracci, dalla barba incolta e dai capelli scompigliati, che il Martedģ grasso si aggirava per le vie del paese chiedendo di porta in porta da bere e da mangiare. Nessuno, essendo giorno di festa, gli rifiutava una polpetta e un bicchiere di vino,. Ma il poveretto, non riuscendo a saziarsi per i lunghi digiuni a cui era costretto dalla sua indigenza, dopo avere consumato una quantitą enorme di polpette di carne, scoppiava.

Zu Nicola veniva rappresentato il Mercoledģ delle Ceneri in occasione del suo funerale. Uno spassoso corteo che percorreva le vie principali del paese, con in testa “il prete”, la inconsolabile “ vedova” con in braccio un pupazzo per figlioletto, seguita da uno stuolo di parenti e amici inscenanti lamenti strazianti e pianti a dirotto.

La maschera di Zu Nicola, nell’immaginario collettivo, aveva anche un importante significato morale: un ammonimento a non cedere agli eccessi e alle esagerazioni, che in occasione di una  festa come il Carnevale, all’insegna dello scherzo e della trasgressione, era una evenienza assai probabile.

Dopo qualche anno, un gruppo di giovani  ha riproposto il “funerale di Zu Nicola” mercoledģ pomeriggio con un esilarante corteo organizzato per le vie principali del centro abitato.

 Adriano Mazziotti

priru / torna