Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
 

LAVORI IN CORSO PER LA NUOVA TOPONOMASTICA DI SAN DEMETRIO CORONE

Sono centocinquantasette tra  vie, piazze e slarghi, sparsi nel capoluogo e nelle maggiori frazioni, i posti senza nome a cui l’Amministrazione comunale si accinge a dare una intitolazione entro l’ anno.

“E’ una operazione indifferibile per un paese in espansione, soprattutto se si tiene conto che  a S. Demetrio Corone ci sono solo trenta strade ad avere una denominazione, e altrettante nella frazione Macchia ancora da intitolare”. Ha riferito il primo cittadino, sen. Cesare Marini, nel corso delle riunioni avute con i componenti delle tre commissioni  costituite  da soggetti esterni al Consiglio comunale, e istituite dall’Ente per raccogliere il più ampio concorso di idee e proposte provenienti dalla popolazione.

Il sindaco, dopo avere assicurato che le denominazioni esistenti non subiranno modifiche,  ha spiegato che le indicazioni  delle commissioni – corredate da una breve scheda biografica sul personaggio proposto - saranno vagliate dagli organi comunali, che stabiliranno anche le aree in cui ricadranno le intitolazioni.

Tre le commissioni nominate dall’Ente. Una si occupa delle figure legate al settore “letteratura, storia e filosofia e giuridico”; la seconda lavora per individuare “personalità delle comunità italo-albanesi e della tradizione basiliana”; l’altra è impegnata a determinare i “personaggi della storia italiana, dall’Unità all’antifascismo”.

La nuova toponomastica sarà l’occasione per ricercare negli annali della storia sandemetrese l’elenco dei “figli” che hanno dato lustro alla comunità, al fine di potere intestare loro una via o una piazza. Non saranno, comunque, solo i sandemetresi  entrati nella “storia” locale  a trovare spazio nella nuova toponomastica. Si terrà conto  anche delle figure importanti dell’Arberia e  dei personaggi legati alla politica e alla cultura calabrese e nazionale.

Adriano Mazziotti

(da il Quotidiano di Cosenza)

priru / torna