Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

SANTI COSMA E DAMIANO

CELEBRAZIONI A SAN COSMO ALBANESE

 

Il suggestivo centro arbėresh oggi 27 settembre si veste a festa per celebrare la ricorrenza dei Santi patroni Cosma e Damiano, la cui memoria  nel calendario  latino ricorre in data odierna,  la seconda domenica di novembre nel calendario liturgico greco-bizantino.

Una festa tra le pił radicate di tutto il comprensorio, che sulla scia di una antica tradizione  puntualmente fa affluire a San Cosmo Albanese migliaia di fedeli, molti dei quali raggiungono anche a piedi  il santuario dedicato ai Santi medici per  stringersi attorno alle loro due statue. Tanti sono pure  i devoti che prendono parte alla veglia di preghiera fino a notte fonda e aspettano all’interno del sacro edificio l’alba di oggi.

I festeggiamenti religiosi, iniziati il 18 scorso  con la recita pomeridiana del rosario, culmineranno questa mattina nella solenne liturgia eucaristica celebrata dal parroco della comunitą, Papąs Pietro Minisci.  Nel primo pomeriggio seguirą la  processione con le statue dei  Santi portate a spalla per le vie del centro abitato; un corteo  vissuto come momento di sentita fede e intensa partecipazione, nel corso del quale  non mancherą, come č usanza,  la presenza degli amministratori comunali, con in testa il sindaco Antonio Mondera.

I fratelli (probabilmente gemelli) Cosma e Damiano, vissuti in Siria nel III secolo in tempi molto difficili per i cristiani, erano chiamati “anargiri” (medici senza denaro), in quanto praticavano la medicina curando i pił poveri e gli abbandonati senza chiedere compensi. Durante una persecuzione contro i cristiani furono sottoposti a diverse dolorosissime prove, quali la fustigazione, l’annegamento, l’immersione nella fornace ardente, la lapidazione, infine la decapitazione. Pregevoli mosaici e affreschi in stile bizantino, questi ultimi raffiguranti la vita e il martirio dei Santi, impreziosiscono l’interno del santuario, in origine un antico monastero fondato dai monaci brasiliani provenienti dalla Grecia e dipendente dalla abbazia niliana di Sant’ Adriano.

Adriano Mazziotti

priru / torna