ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka Shėn Mitri / Notizie da San Demetrio Corone
 

LUNGRO

 

GRANDE FESTA PER L’EPARCHIA E MONSIGNOR LUPINACCI

 

Una splendida giornata di sole e un pubblico di fedeli delle grandi occasioni hanno  fatto da cornice a una giornata, quella di domenica 29 novembre, che sarą ricordata a lungo nella Eparchia cattolica di rito orientale di Lungro. La presenza del Cardinale Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione delle Chiese Orientali, ha testimoniato ancora di pił l’importanza della doppia ricorrenza: i 90 anni di istituzione della Eparchia e i 50 anni di sacerdozio del suo vescovo, il monsignore Ercole Lupinacci.

La giornata si č aperta con un seguitissimo corteo che dall’episcopio ha raggiunto la cattedrale di S. Nicola di Mira, dove l’alto prelato e l’eparca hanno concelebrato la solenne liturgia pontificale. Oltre alle  tante autoritą civili, militari e religiose, erano presenti i vescovi delle diocesi di Crotone, Cassano, Catanzaro, Mileto e Rossano, tra questi anche l’eparca della diocesi consorella di Piana degli Albanesi (PA), Sotir Ferrara e l’archimandrita del monastero di Grottaferrata, Emiliano Fabbricatore.

Tra i tanti messaggi  augurali  inviati  a monsignore Lupinacci, dalla Santa Sede sono giunti anche quelli formulati dal papa Benedetto XVI con una lettera di cui ha dato lettura il vicario della eparchia, l’archimandrita  Donato Oliverio.

Un ampio excursus sulla storia della diocesi, sul suo ruolo religioso che valse altresģ a elevare il livello culturale e sociale degli italo-albanesi, sull’importanza della secolare presenza del rito greco-bizantino, sulla propria attivitą pastorale e sui suoi predecessori, i monsignori Giovanni Mele e Giovanni Stamati, rispettivamente primo e secondo eparca dell’unica diocesi di rito orientale per gli italo-albanesi dell’Italia continentale,  č stato tracciato dal vescovo Lupinacci, che ha ricevuto in dono dal porporato argentino  un calice d’oro.

Il cardinale Leonardo Sandri, giunto da Roma la sera prima, durante la sua omelia ha avuto parole di stima per l’esemplare servizio svolto in cinquanta anni di missione evangelica dal vescovo Lupinacci; e si č soffermato sul ruolo esercitato in cinque secoli dalla liturgia orientale nelle comunitą di lingua e cultura arbereshe in Italia meridionale definendo la presenza del rito greco “Un soffio d’Oriente nella Chiesa latina”.

Ercole Lupinacci, terzo vescovo di Lungro, č nato a S. Giorgio Albanese il 1933. Da ventuno anni dirige con dedizione la sede vescovile di tradizione bizantina in provincia di Cosenza dopo aver guidato per sei anni (1981-1987) la  diocesi siciliana di Piana degli Albanesi.

Adriano Mazziotti

Da “il Quotidiano”

priru / torna