ARBITALIA 

Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka Shėn Mitri / Notizie da San Demetrio Corone
 

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, GIORGIO NAPOLITANO, Č  STATO INVITATO A  PRESIEDERE ALLA INAUGURAZIONE UFFICIALE DEL BUSTO IN BRONZO CHE IL COMUNE INTENDE  DEDICARE A GIUSEPPE GARIBALDI

L’invito al capo dello Stato di valutare l’opportunitą di visitare  questa comunitą arbereshe di Calabria č stato rivolto dalla giunta guidata dall’onorevole Cesare Marini, e si occasiona con il programma di festeggiamenti per il 150° della Unitą nazionale che l’Ente locale ha predisposto da qualche mese per ricordare degnamente l’avvenimento.  E la sistemazione del busto dell’eroe dei Due Mondi nel piazzale del Collegio di Sant'Adriano č l’ iniziativa di spicco tra quelle programmate per lo storico evento.

Le vicende del Collegio sandemetrese,  in diversi momenti, si sono incrociate con  il contributo dato  alle lotte per il Risorgimento calabrese, e l' Istituto proprio per la sua temuta attivitą sovversiva č stato costantemente tenuto d'occhio dalla polizia borbonica, in quanto considerato un “laboratorio di idee liberali e antiborboniche e fucina di diavoli” Un centro di ardenti rivoluzionari e avversari impavidi del regime borbonico, che proprio per la sua  palese correitą nei moti rivoluzionari anti-borbonici nel cosentino ha subģto una  feroce reazione da parte del regime, tanto da tenerlo  chiuso per due anni, fino al 1850, in quanto diventato “un vivaio  di giovani esaltati da sentimenti di libertą e da un senso di idolatria per la Rivoluzione Francese”.

E’ stato anche  in ragione della partecipazione  alla azione militare  di Garibaldi da parte  di  studenti  dell’Istituto provenienti da diverse comunitą albanofone di Calabria e di alcuni loro professori, che il protagonista della Unitą nazionale nell’ottobre 1860 gratificņ il Collegio decretando che “dodicimila ducati” fossero elargiti  in segno di riconoscenza per il contributo reso alla causa della Indipendenza  e della Unitą. Il  testo del decreto č ancora oggi leggibile nella epigrafe riprodotta sulla lapide murata nella facciata principale dell’ edificio.

Adriano Mazziotti

priru / torna