ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka Shėn Mitri / Notizie da San Demetrio Corone
 

IL GOVERNATORE DELLA CALABRIA GIUSEPPE SCOPELLITI VISITA LA COMUNITA' DI SAN DEMETRIO CORONE

Minoranze linguistiche, federalismo, sanitą e l’impegno di tutti i calabresi a mettere in mostra le loro capacitą nell’ affrontare i momenti difficili. Sono stati i temi sui quali ha ruotato il breve intervento tenuto dal governatore Scopelliti nella sala consiliare di palazzo municipio dove, accolto dal padrone di casa, il sindaco Antonio Sposato, si č intrattenuto con i cittadini accorsi per salutarlo. “La presenza della minoranza linguistica albanese, il cui ruolo svolto nel corso delle guerre per l’Unitą d’Italia č stato considerevole, č per la Calabria – ha affermato Scopelliti - una realtą importante e la Regione č attenta a questa presenza”. Passando poi ai temi di scottante attualitą, il governatore ha sostenuto che “Per noi calabresi il federalismo č una grande e inevitabile sfida, di cui non c’č da avere timore. Bisogna considerarlo come una occasione, una nuova stagione in cui č necessario creare sinergie e prospettive comuni tra le istituzioni”. Sulla sanitą il numero uno della Regione ha invece fatto capire che l’ospedale sotto casa non č pił possibile, ma quello baricentrico che serva a pił comunitą č tra le prospettive concrete del nuovo programma sanitario calabrese. La visita di Scopelliti, organizzata dalla Associazione Arberia, in collaborazione con la Pro loco e il Club della libertą, č iniziata il tardo pomeriggio di martedģ al suono dell’inno di Mameli eseguito dalla banda musicale di Santa Sofia d’Epiro, con la inaugurazione della scultura in ferro “Il mondo contadino”, del maestro Nuhiu, e del Museo etnografico “S. Nilo”. L’ospite, accompagnato dall’assessore regionale Giacomo Mancini, da Giuseppe Caputo, consigliere regionale, e dal parlamentare Giovanni Dima, ha visitato la millenaria abbazia di Sant’Adriano mostrando interesse ai suoi tesori artistici, per poi recarsi nei luoghi simboli della partecipazione degli arbėreshė alla  causa risorgimentale calabrese e alla Unitą nazionale: la lapide commemorativa di Garibaldi e il Collegio italo-albanese; istituto frequentato da tanti giovani animati da sentimenti rivoluzionari antiborbonici e garibaldini. Ad accoglierlo nello storico Istituto vi era il parlamentare Cesare Marini, che ha illustrato all’ospite il ruolo svolto dal Collegio in favore della cultura calabro-albanese.

Adriano Mazziotti

priru / torna