ARBITALIA 

Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka Shėn Mitri / Notizie da San Demetrio Corone
 

BUSTO DI SKANDERBEG E VILLA MARCHIANŅ

Busto di Skanderbeg e villa Marchianņ. Due “regali di Natale” della Amministrazione comunale ai sandemetresi.

Il primo spicca in un posto ben visibile  all’interno del giardino di villa Marchianņ, attigua alla centralissima piazza Monumento. Era dal novembre 2003 che l’effige dell’ eroe nazionale albanese (1405-1468) venne  ritirata dal luogo dove fu collocata la prima volta nel 1968, a seguito dell’atto vandalico compiuto da parte di sconsiderati che avevano rimosso il manufatto in bronzo dal basamento di mattoni su cui poggiava, per poi abbandonarlo nei pressi del piedistallo. Nella caduta il busto di Giorgio Castriota detto Skanderbeg riportņ danni sull’elmo: una testa di capriolo o di capra. Da allora, nonostante sia stato perfettamente restaurato, il busto č stato tenuto all’interno di un deposito comunale in attesa di individuare un posto all’aperto idoneo all’importanza del personaggio.

L’altro “regalo” dell’Amministrazione comunale ai sandemetresi č la villa Marchianņ, posta in pieno centro urbano. Appartenuto alla famiglia del dottore Giuseppe Marchianņ dagli inizi degli anni ’30, l’immobile  č stato acquistato dal Comune nel 1999 e,  anche dopo gli interventi  di consolidamento statico e  di riqualificazione, estesi nel giardino circostante, la villa non ha subito alcuna contaminazione strutturale e nessun rifacimento che potessero compromettere il suo stile Liberty.  L’Ente comunale, ha assicurato il sindaco Cesare Marini nell’incontro di presentazione con la cittadinanza, si impegnerą a utilizzare al meglio l’immobile e a  favorire incontri culturali.

Nel periodo natalizio, villa Marchianņ  ha ospitato una serie di manifestazioni incluse nel programma “Natale in villa”. Nel primo incontro il consigliere Salvatore Mauro ha  debitamente illustrato il piano dei progetti integrati di sviluppo locale (Pisl).  Nei giorni successivi sono  seguiti il concerto con il quartetto d’archi “Mousikč”; la rappresentazione teatrale del gruppo “Altro sguardo”; l’esibizione del coro dei bambini sandemetresi e la presentazione degli eventi estivi della “Bottega delle emozioni”.

Molto interesse, infine,  ha riscosso l’esposizione dei lavori fotografici, scultorei e pittorici realizzati da  Emin Shaqja, Zefa Paci, Leda Lacaria, Dila Sammarro, Stefania Talarico, Danilł Yoco Alita, Chiara Chiodi, Federico Braile, Gianni Liguori, Angela Bugliari Armenio, Assunta Provenzano, Monica Siciliano e Skifter Nuhiu.

Adriano Mazziotti

priru / torna