Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

LA FESTA DEL PATRONO: LA STATUA DEL SANTO PER LE VIE DEL PAESE

Sono giunti da tutte le parti d'Italia e anche dall'estero, specie dal Sud America, tanti paesani da anni fuori da San Demetrio per lavoro e per studiare. L'occasione del ritorno, la festa di San Demetrio Megalomartire, patrono del paese che oggi sarą portato a spalla dai fedeli e attraverserą in processione le strade principali e anche i viottoli dei vecchi rioni. Tutte le finestre delle case che si affacciano sulle strade dove passerą il santo, saranno abbellite con coperte colorate, le pił belle e le pił finemente lavorate. La statua del santo č stata da poco restaurata con un intervento di stuccatura delle parti incrostate, e una pulitura che ha ripristinato i vecchi, bellissimi colori. Al termine della processione i fedeli si riverseranno nella piazza principale del paese per salutarsi e per gli auguri ai tanti "Demetrio" che portano il nome del santo. La sera di nuovo insieme magari in qualche trattoria del paese per assaporare squisiti fusilli al sugo di capra e spezzatino piccante. Secondo i risultati di ricerche storiche, Demetrio apparteneva ad una nobile famiglia di Tessalonica e fin da giovane si dedicņ alla diffusione della fede anche fra i pagani. Pił tardi fu nominato proconsole in Grecia e per questo viene raffigurato vestito da soldato mentre cavalca un destriero. Ma la sua fede rimase sempre fortissima e per non rinunziare ad essa subģ il martirio a colpi di lancia per ordine dell'imperatore Massimiliano, grande nemico dei cristiani.

Giovanni Luca Baffa

priru / torna