ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka Shėn Benedhiti / Notizie da San Benedetto Ullano
 

INCONTRO STORICO A SAN BENEDETTO ULLANO DOMENICA 13 MARZO 2011

GRANDE SUCCESSO PER L'ASSEMBLEA DELLE ASSOCIAZIONI ARBERESHE DELLA PROVINCIA DI COSENZA

E' stato un incontro storico quello tenutosi nella sala consiliare del comune di San Benedetto Ullano nel pomeriggio del 13 marzo 2011 dalle ore 16.30 alle ore 19.30. "Un vero successo" hanno ribadito pił volte i rappresentanti delle varie associazioni presenti alla riunione, trasformatasi ben presto in Assemblea delle Associazioni Arbėreshe, per discutere sulla legge 15/2003 e le modifiche ad essa apportate che hanno snaturato il senso della legge stessa e hanno svuotato di importanza e dignitą il Coremil e soprattutto il ruolo delle associazioni.

Dopo gli interventi, le analisi ed i commenti, i presenti hanno approvato il seguente documento da consegnare all'assessore regionale alle minoranze storiche della Calabria e al COREMIL nella seduta del 14 marzo 2011.

 

DOCUMENTO REDATTO

DALLA ASSEMBLEA DELLE ASSOCIAZIONI ARBERESHE

 

Il giorno 13 marzo 2011, nel corso della Assemblea delle Associazioni Arbėreshe della provincia di Cosenza tenutasi nella Sala Consiliare del Comune di San Benedetto Ullano (CS) dalle ore 16.30 alle ore 19,30, a seguito degli interventi di analisi e commento sulla legge 15/2003 e le sue modificazioni che hanno svuotato di importanza e di dignitą il mondo dell’associazionismo, si č reso opportuno stilare un documento di richieste da presentare all’assessore alle minoranze linguistiche della Regione Calabria e alla seduta del COREMIL del 14 marzo 2011 da allegare al verbale.

L’assemblea delle Associazioni Arbėreshe comunica quanto segue:

1.     le due personalitą parlanti presenti al COREMIL ed espresse dalle associazioni, sono i portavoce in sede di incontro del comitato delle risultanze di questa riunione e rappresentano quanto deliberato dall’assemblea delle associazioni arbėreshe;

2.     si fa richiesta all’assessore regionale alle minoranze linguistiche della Calabria di voler provvedere ad una nuova variazione dell’art. 8 della LEGGE REGIONALE  30 ottobre  2003, n. 15 - Norme per la tutela e la valorizzazione della lingua e del patrimonio culturale delle minoranze linguistiche e storiche di Calabria, modificato dalla LEGGE REGIONALE 21 agosto 2006, n. 7, riportando integralmente l’articolo alla sua stesura originale che da dignitą e valore al COREMIL, ai suoi componenti e alle minoranze linguistiche della regione Calabria;

3.     si chiede all’assessore regionale alle minoranze linguistiche della Calabria e al COREMIL di voler valutare la possibilitą di deliberare una quota fissa annuale da destinare alle progettualitą presentate dall’associazionismo arbėresh;

4.     si fa inoltre richiesta all’assessore regionale alle minoranze linguistiche della Calabria che i progetti presentati dalle associazioni  per l’anno 2011 e per il futuro in base alla legge 15/03 devono essere comunque e tra l’altro valutati dal COREMIL che ha competenze e conoscenze territoriali dell’operato delle stesse associazioni e non unicamente da organismi regionali astrusi ed avulsi dalla realtą del grande patrimonio culturale, linguistico e folklorico della minoranza etnica storica albanese d’Italia;

5.     tutto ciņ premesso e in base alle nuove tendenze culturali e politiche che vedono la meritocrazia prevalere sui vecchi criteri clientelari, si invita l’assessore regionale alle minoranze linguistiche della Calabria a volere usare come criterio di valutazione dei progetti il merito, l’operositą e le risultanze concrete da pił tempo garantiti dalle associazioni;

6.     si invita l’assessore regionale alle minoranze linguistiche della Calabria a voler tenere in debita considerazione tali proposte provenienti dal mondo associativo arbėresh, che continua ed essere il perno portante della tutela, della valorizzazione e della promozione etnico-linguistica; in caso contrario le associazioni si riservano di fare viva e subitanea protesta (tramite organi di stampa locali, regionali, televisivi e web) e di rendere partecipi il presidente della repubblica italiana, il ministro dei beni culturali, il presidente del consiglio regionale e il presidente della giunta della regione Calabria;

7.     le associazioni si augurano che per il futuro non vengano pił attuati tagli ai fondi destinati alle minoranze linguistiche storiche della Calabria.

San Benedetto Ullano, lģ 13 marzo 2011

Letto ed approvato all’unanimitą dalla Assemblea delle Associazioni Arbėreshe

 

priru / torna