Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

S. SOFIA E LE SUE TRE FIGLIE FEDE, SPERANZA E CARITA – SHĖN SOFIA E TRE BILAT E SAJ BESĖ, SPERĖNXĖ E DASHURI

Il Sirleto Guglielmo (1514-1584), Cardinale Prefetto della Biblioteca Vaticana, ritiene che S. Sofia sia di nazionalitą greca, indotto a pensare cosģ dai nomi ellenici della madre Sofia (Sapienza) e delle tre figlie Pistis (Fede), Elpis (Speranza), Agapis (Caritą). Il Surius dice che la patria di S. Sofia č incerta, ma č certo, perņ, che ella č gloria italiana. Il Sigonio Carlo (1520-1584) Storico, che cita S. Beda, ritiene che S. Sofia sia nata a Milano. S. Sofia visse tra la fine del primo secolo e il principio del secondo e subģ il martirio con le tre figlie sotto l'imperatore Adriano (76-138) e il Pontefice Alessandro I (105-116). Se non si puņ precisare la cittą di origine, si puņ affermare con certezza che morģ a Roma. Nel fiore della giovinezza, caratterizzata da tanta affascinante bontą, Sofia, forse per appagare il desiderio dei parenti, che la volevano affidata ad un compagno di vita, sposņ Filandro, giovane e ricco senatore, come sulla autoritą di S. Beda, attesta il Sigonio. Dal suo matrimonio nacquero tre figlie, alle quali furono dati i nomi di Fede, Speranza e Caritą. Ciņ non deve destare meraviglia, se i cristiani dei primi secoli amavano prendere, nel Battesimo, un agnonem che avesse significato mistico. Abbiamo cosģ i nomi di Lucina (Pomponia Grecina) di Redemptus, Renatus, Renovatus, ecc. Dopo pochi anni di matrimonio, morģ Filandro, del quale, a ragione, si deve ritenere che avesse abbracciata la fede cristiana, perché la sposa, che viveva le virtł raccomandate dal Libro dei Proverbi della Sacra Scrittura, si interessņ della sua salvezza eterna.

Morto il marito, S. Sofia decise di lasciare Milano. Ricchissima qual'era, distribuģ ai poveri le sue ricchezze e partģ per Roma. Campo del suo lavoro fu il servizio agli eroici confessori della fede cristiana, con l'assidua visita alle prigioni, dove moltissimi erano rinchiusi. Tale sua condotta non sfuggģ all'occhio dell'imperatore Adriano, il quale volle davanti al suo tribunale madre e figlie. Non le prese il timore, ma impavide, la madre prima e le tre figlie dopo, professarono la fede nel Cristo Salvatore, disposte a sopportare qualunque supplizio, non rinnegarono la fede ricevuta nel Battesimo. Alle promesse lusinghiere come alle minacce del giudice, dettero prova di nulla temere, desiderose soltanto di ricevere il Battesimo di sangue, che č il martirio. La madre venne denudata e fustigata crudelmente, dopo che le fu impresso sulla fronte il marchio dell'infamia.

Allontanata la madre, il tiranno interrogņ separatamente le tre figlie, sperando di poterle far deviare dalla religione di Cristo. Tutto egli adoprņ, con le buone e le tristi maniere, ma inutilmente. Furente di rabbia, le affidņ ai suoi giudici, perché venissero severamente punite, anche con la morte.  Prima Fede, poi Speranza e in ultimo Caritą furono sottoposte a inauditi tormenti e poi decapitate.  Morte le figlie, che ne fu di Sofia? Qui č il caso di ripetere: «Varii varia dicunt» vi sono cioč diversi pareri. Secondo alcuni Acta Martyrum di origine orientale, non storici, S. Sofia, vedova cristiana, fu martirizzata a Roma, nel 2° secolo, sulla tomba delle figlie Fede, Speranza e Caritą, anch'esse martiri. (Diz. Enciclopedico Sansoni). Fra Lorenzo Surio, il martirologio Galliano e il menelogio Sirleziano dicono che S. Sofia, tre giorni dopo, mentre pregava sulla tomba delle figlie, rese la sua anima a Dio. Il Baronio negli Annali della Chiesa, scrive che la morte avvenne due mesi dopo.  Sofia fu deposta nello stesso sepolcro delle figlie, il cui martirio si pensa avvenuto nel mese di agosto. Di questo parere č lo scrittore Piero Bargellini. Il martirologio romano fa menzione di S. Sofia e delle sue tre figlie il giorno 30 settembre. Č stato detto che il corpo di S. Sofia fu deposto nello stesso sepolcro delle figlie, ma dove era il sepolcro? I documenti agiografici consultati hanno permesso di porre con certezza sulla via Aurelia la sepoltura di S. Sofia e delle sue tre figlie, martirizzate al tempo dell'imperatore Adriano; detto sepolcro fu venerato dai fedeli fin dal VI e VII secolo. Si parla anche di queste sante martiri nel martirologio di Adone, come anche pił tardi in quello di Usuardo. Quella tomba, perņ, era onorata a Roma, molto tempo prima, perché l'lndex Oleorum di Monza (sec. VI) e l'Itinerario di Salisburgo (VII sec.) comprovano che fra quelle tombe,

nelle Catecombe, davanti alle quali si faceva ardere l'olio e che erano visitate dai fedeli, vi era anche la tomba di S. Sofia e delle sue tre figlie. Il Baronio (1538-1607) assicura che ai suoi tempi non si era perduto il ricordo di un monumento innalzato sulla via Aurelia a S. Sofia, madre delle tre vergini e martiri Fede, Speranza e Caritą. Dove si trovano oggi i resti mortali di S. Sofia e delle sue tre figlie? Il corpo di S. Sofia, in un primo tempo, fu trasferito dalla via Aurelia nella chiesa di S. Giulia in Brescia. La regina Ansa, moglie di Desiderio, ultimo re dei Longobardi, volle arricchire il monastero di S. Giulia, dove erano le monache benedettine (monastero che era stato fondato da lei e dal suo reale consorte) e donņ al detto monastero il corpo della santa. Soppresso il monastero di S. Giulia, al tempo della rivoluzione francese, il corpo di S. Sofia, come quello di S. Giulia e di altri santi, passņ dalla detta chiesa in quella di S. Agata, nella stessa cittą di Brescia. Il 3 aprile 1799, per interessamento del Canonico Maladori di Virle Treponti e degli altolocati Virlesi, il vescovo permise che l'urna contenente il corpo della santa, dalla chiesa di S. Agata venisse trasferito a Virle. L'avvenimento memorabile riempģ di gioia tutta la cittadinanza Virlese.  Gli atti di concessione, di traslazione e di autenticitą si conservano nell'archivio parrocchiale di Virle, mentre l'originale del menelogio Sirleziano che parla, come č stato detto, di S. Sofia e delle sue tre figlie, si trova nella biblioteca Marcelliana di Chiari. I sacri avanzi di Fede e di Speranza furono portati in Francia in casse di argento, e prima della rivoluzione dell'89, erano conservati a Notre Dame de Visau, nella Diocesi di Cahors. Il corpo di S. Agape (Caritą) si trova intero nella Prepositurale di Chiari, di cui č Patrona. A Santa Sofia d’Epiro la loro memoria si festeggia la terza domenica del mese di Settembre.

 

Dalla Kaljmera (Canto Tradizionale) della Santa, cosģ come si canta ancora oggi a S. Sofia d’Epiro (CS):

Agėzuaē, oj Shėn Sofģ,

ēė ndėr qiell ma gllorje rrģ,

ndėjina dorėn e sallvņna,

ndihna ndėr bėzonjit tona.

 

Tri bila Inzot tė dha,

Bes, Sperėnxė e Karitą,

si sytė tėnd Ti mirė i dishe

e pėr ata bore ēė do kishe.

 

E kur vashat atjč van

E ndė martiret jetėn dhan:

“mbani fort, qielli ju prźt,

Mos ēidhirni se ju vret”.

 

E pastaj tri ditė mbi varrėt e tyre,

mbete pa ngrėn si hyre,

atjč vdiqe me gracje pjot

tue thėn: dhoksa t’Inzot.

 

Tri kuror ndė kryet tė vunė,

Pėr sa bila pate tru,

ndė martiret t’i dėrgoje

besėn se t’e difėnxoje.

 

Andaj na nėn kryesės tėnde,

presmi uratėn ka Ti gjėnde,

t’vimi pas kėsaj jetė,

ndė parrajsit me vėrtetė.

Per le Preghiere dei nostri Santi Padri e l’intercessione di Santa Sofia e delle sue figlie Fede, Speranza e Caritą, Signore Gesł Cristo Dio Nostro, abbi pietą di noi e salvaci. Amģn

Francesco Godino

priru / torna