ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka Shėn Sofia / Notizie da Santa Sofia d'Epiro
 

EONĢA I MNĢMI AFTŁ – ETERNO SIA IL SUO RICORDO

Quattro anni dalla morte del Padre Archimandrita Giovanni Capparelli (1920-2005)

        Sono trascorsi gią quattro anni dalla morte del Padre Archimandrita Giovanni Capparelli (1920-2005), parroco di Santa Sofia d’Epiro dal 1944 al 2005, anno in cui fu accolto nel seno di Abramo, nel Paradiso celeste, dove incessante č la gloria al cospetto di Dio Padre.  Una figura sacerdotale in piena coerenza col ministero affidatogli, una raritą di pastore, come ne abbiamo visto ben pochi nel corso della storia. Buono e dal polso duro quando era necessario, zoti Capparelli ha portato la nostra comunitą in posizioni elevate, costituendola punto d’eccellenza dei pesi arbėreshė, migliorando in essa la societą e la cultura, attraverso il suo operare costante e paziente. La sua figura era dolce, il suo viso bianchissimo, candido. La sua barba era tutta bianca e luccicante, un uomo libero dalle passioni, in lui si vedeva la stessa virtł materializzata. Lo si sarebbe detto: un uomo senza corpo.

         Trascorse tutta la vita a predicare il Vangelo di Nostro Signore, praticando le virtł in esso contenute.

         Il suo insegnamento per noi che lo abbiamo conosciuto č sempre vivo, mi viene in mente la frase che gli piaceva pił delle altre e che soleva ricordare spesso: bashkė jemi mė shumė – uniti siamo pił forti, ma nella traduzione italiana perde di significato.

         Finalmente sono stati posti i marmi nella sua urna funeraria e presto sarą anche realizzato il mosaico che riproduce il suo volto e quindi sarą completata. Il 20 gennaio nella chiesa di Sant’Atanasio sarą celebrata la liturgia in suffragio e nel corso del 2009 ci saranno diverse iniziative in suo ricordo.

         Caro zoti, quando vivevi in questa comunitą pregavi sempre Dio perché essa si fortificasse. Anche ora che stai al cospetto del Padre, non cessare con le tue preghiere di custodirla. Grazie, o Dio, per avercelo fatto conoscere.   

Luigi Francesco Godino

 

priru / torna