Mirë se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëve të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
ARBITALIA presenta
NOTIZIE lajme NOTIZIE lajme
LAJME notizie Lajme notizie
da e per IL MONDO ALBANESE
 
Gli Arbëreshë della Calabria - SPEZZANO ALBANESE
 

L’ASSOCIAZIONE SI E’ DOTATA DI UN NUOVO STATUTO

Aggiornate senza essere stravolte le regole stabilite nel 1984

 

Lo statuto in vigore, varato alla nascita del Bashkim il 17 aprile del 1984, necessitava di alcune revisioni e aggiornamenti dettati da vari fattori. In primo luogo perché esso prevedeva la fine del sodalizio al 31 dicembre del 2000 e poi anche perché la nuova sede societaria, le varie disposizioni legislative intervenute nel frattempo, l’esperienza di 16 anni di vita, imponevano una presa d’atto che andava sicuramente recepita nello Statuto, per poter continuare ad operare con l’intento di realizzare in maniera sempre più approfondita gli scopi societari e cogliere le nuove sfide della società in evoluzione.

Con questi intenti ci siamo cimentati ad apportare al documento le modifiche che il consiglio di amministrazione ha recepito con deliberazione del 2 maggio, poi fatte proprie dall’assemblea generale straordinaria dei soci il 15 dello stesso mese.

Fermo restando l’atto costitutivo, che non è stato oggetto di alcuna modifica, volutamente per sottolineare la continuità col passato, il documento pur conservando la stessa impostazione complessiva, viene meglio definito nella formulazione evitando dizioni prolisse e generiche spesso oggetto di difficoltà interpretative che lasciavano molta discrezionalità al gruppo dirigente di turno.

Accanto a modifiche scontate come la presa d’atto del cambio di sede e il necessario prolungamento della vita della società, deliberato a tutto il 2050, le principali modifiche e aggiornamenti si possono così riassumere:

Oltre all’inserimento fra gli scopi societari, del dettato della legge 482 sulla tutela delle minoranze linguistiche storiche, si è voluto allargare l’orizzonte degli interventi, alla luce dell’esperienza positiva condotta in occasione del corso di formazione professionale per extracomunitari, ad alcune delle attività elencate nell’art. 10 del D. L.vo 460 del 4/12/97 sulle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, pur senza accettare la trasformazione del Bashkim in Onlus, il che avrebbe comportato una radicale modifica dell’assetto societario a cominciare dalla perdita per i soci fondatori del diritto loro riconosciuto al punto 11 dell’atto costitutivo, di far parte di diritto, a vita, del Consiglio di Amministrazione.

Viene comunque rigidamente sancito il principio dell’incompatibilità fra cariche sociali e il ruolo di docente formatore in eventuali corsi professionali gestiti dall’Associazione. Tale norma fa il paio con l’incompatibilità sancita nell’art. 15 fra cariche sociali e cariche di tipo politico - partitico, a qualsiasi livello ricoperte, sia di maggioranza che di minoranza. Questo per liberare l’operato del BKA da vincoli e servilismi di natura politica.

Accanto alla norma che prevede un budget annuale di spesa per il Presidente, per garantirgli libertà di movimento circa la realizzazione delle attività deliberate, vengono meglio precisate nei vari articoli i diversi tipi di maggioranza necessaria per l’approvazione delle deliberazioni da parte dei vari organismi. Maggiore chiarezza viene fatta su tutto l’iter da seguire alla scadenza delle cariche sociali, circa il rinnovo e la durata (che diventa triennale), ma che per la carica di presidente non può andare oltre il secondo mandato consecutivo. Compaiono due figure non previste nel precedente statuto, il presidente onorario (votato dall’assemblea fra i soci onorari), e il vicepresidente, (votato dal C.d.A al suo insediamento). Ridefinite molte funzioni del C.d.A. (i cui componenti scendono da 14 a 13), specialmente per quanto attiene i tempi e le procedure per l’assunzione di determinate deliberazioni nel periodo immediatamente prima e subito dopo il rinnovo delle cariche sociali. Ridefiniti anche i diritti e i doveri del socio. Il comitato scientifico, composto anche da non soci, viene ora nominato dal consiglio di amministrazione; vi fanno parte di diritto oltre al presidente onorario, lo stesso presidente del Bashkim con funzioni di presidente.

Numerosi altri dettagli riguardano un po’ tutti gli articoli il cui numero passa da 24 a 28, ivi compresi gli ultimi due che attengono all’entrata in vigore di alcune norme, la cui piena attuazione e rinviata al prossimo rinnovo degli organismi sociali, la cui scadenza è prevista per il 23 marzo 2003.

                                                Raffaele Fera

priru / torna