Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

IRAL

ISTITUTO  DI RICERCA PER L'ARTE

E LA LETTERATURA

 Tel.   349 4282197

 

  Nuovo saggio di Pierfranco Bruni sui Beni culturali

 

Nuovo saggio di Pierfranco Bruni sui Beni culturali patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attivitą Culturali

"I Beni Culturali sono una risorsa legata ai valori identitari. Occorre comprenderne lo spirito  favorendo processi valorizzanti sui territori".

      E' ciņ che ha dichiarato Pierfranco Bruni, rappresentante del Ministero dei beni e delle attivitą culturali nella Commissione Unesco, nell’annunciare la pubblicazione

 

      "La politica del Ministero per i beni e le attivitą culturali guarda con attenzione ai raccordi tra le testimonianze della memoria e i processi culturali presenti nella societą contemporanea. Proprio per questo il Codice dei beni culturali costituisce uno strumento intelligente ed organico per affrontare le questioni giuridiche, istituzionali e culturali presenti nella societą di oggi. La tutela č un fatto fondamentale ed č da questo punto che si irradiano gli elementi della valorizzazione, della gestione e della promozione. Il Codice darą risultati sicuri per una politica della cultura in cui progettualitą, formazione, innovazione rappresentano cardini fondamentali che si legano ai nodi della conservazione, della salvaguardia e della fruizione del patrimonio che resta patrimonio nazionale".

      E' ciņ che ha dichiarato Pierfranco Bruni, rappresentante del Ministero per i beni culturali nella commissione Unesco, nell’annunciare l’uscita del suo nuovo libro dal titolo “I Beni Culturali. Risorse e identitą” (Edito dall’ Iral, Tel. 3494282197). Il libro si presenta con una elegante veste e un ampio apparato bibliografico. Sostanzialmente č un lavoro che ricostruire la storia del concetto di bene culturale passando attraverso un’analisi articolata e non perdendo di vista i vari processi normativi.

      "I Beni Culturali", il saggio di Pierfranco Bruni,  apre una discussione a tutto tondo sulla questione e passa in rassegna quei percorsi giuridici e culturali che hanno portato al Codice dei beni culturali. Il testo di Bruni si sofferma sul rapporto tra economia e cultura, tra vocazioni e investimenti, tra realtą nazionali ed Enti locali, sottolineando, in modo particolare, l'importanza del ruolo dei musei, delle biblioteche, del territorio e del dialogo costante tra paesaggio e culture sommerse. L'attualitą di questo lavoro scientifico di Pierfranco Bruni pone all'attenzione riferimenti fondamentali come la tutela, la valorizzazione, la fruizione. Elementi sui quali Bruni si č soffermato evidenziando il valore pedagogico dei beni culturali e le capacitą produttive che possono innescare. Si sofferma sulla necessitą di un discorso didattico e di metodologie pedagogiche da applicare proprio ai vari campi dei beni culturali.    

      "Gią di per sé, ha sostenuto ancora Pierfranco Bruni, il bene culturale č una risorsa. Bene e cultura e nello stesso tempo risorsa in quanto portatrice di sviluppo, investimento, interazione con le attivitą produttive e con le realtą territoriali. Occorre spingerci verso dimensioni pedagogiche che creano un legame straordinario con l’utenza".

      Bruni, nel saggio in questione, offre delle chiavi di lettura importanti anche per ciņ che concerne il ruolo che gli Enti locali possono rivestire in merito alla materia dei beni culturali.

priru / torna