Mirė se erdhe...Benvenuto...
ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėve tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 

TORINO CAPITALE MONDIALE DEL LIBRO - DUE SCRITTORI ITALO-ALBANESI

6 giugno

Ore 18.00

presso

ATRIUM – Piazza Solferino

La lingua in viaggio

Italo-stranieri, dai Balcani Artur Spanjolli (Eduart, Besa) e Ornela Vorpsi (Il paese dove non si muore mai, Einaudi).

Italo-stranieri č un concetto che fino a pochi anni fa, malgrado alcune tempestive iniziative editoriali e vari concorsi, risultava di fatto poco definito, ma oggi nel nostro paese sono numerosi gli autori provenienti da altrove (Europa dell’est, Africa, Asia, Sudamerica), che scrivono in italiano o hanno attraversato la nazione anche a partire da un confronto serrato con la lingua. Anche  la cultura del Belpaese si allinea quindi, con un certo ritardo, a ciņ che accade nei paesi anglofoni e francofoni da almeno tre decenni, con una serie di interventi estremamente precisi, che andranno ad arricchire, come č successo altrove, il panorama culturale, dando nuove declinazioni all’idioma nazionale, “suonandolo” con esiti differenti: una prospettiva di grande interesse da seguire con attenzione. Artur Spanjolli e Ornela Vorpsi vengono dall’Albania, con due percorsi diversi, il primo ha firmato due romanzi editi da Besa, che fanno parte di un percorso ancora da concludere, disegnando in Cronaca di una vita in silenzio e Eduart una storia familiare ache racconta esattamente i mutamenti di un paese segnato dalla Storia. Ornela Vorpsi si č segnalata inizialmente come fotografa, abita a Parigi e il suo Il paese dove non muore mai č stato assai segnalato tra le produzioni dell’ultima stagione, tra l’altro anche con il riconoscimento del Premio Grinzane-Cavour. Anche in questo caso in gioco c’č il paese di origine, rappresentato con un’esattezza clinica, a partire dal titolo che allude a un’immutabilitą di azioni e comportamenti, in tutte le sue complessitą e con lampi di sarcasmo nei litigi tra la bambina protagonista e la madre che si identifica con le direttive del partito, ma lasciando spazio a improvvisi lampi lirici.

Informazioni:

http://www.einaudi.it/

www.besaeditrice.it

www.el-ghibli.provincia.bologna.it

priru / torna