ARBITALIA 
Shtėpia e Arbėreshėvet tė Italisė
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme tė tjera / Altre notizie
 

Rivarolo Can.se

NANDO ELMO AUTORE DEL LIBRO “UN GALLO PER ASCLEPIO – L’assimilazione a Dio nel pitagorismo di V. Capparelli”- INCONTRA I SUOI LETTORI NELLA BIBLIOTECA “BESSO MARCHEIS” DI RIVAROLO CAN.SE

 

Nando Elmo autore del libro “Un  Gallo per Asclepio” incontra sabato 29  maggio 2008 alle ore 21,00 , nella Biblioteca Comunale di Rivarolo Can.se, i suoi lettori per un dibattito sulla sua opera.

Il sottotitolo del libro “L’assimilazione a Dio nel pitagorismo di Vincenzo Capparelli” dice del tema della serata. L’argomento potrebbe sembrare peregrino, ma č bene domandarsi come si possa in tempi di laicismo estremo e da laici parlare ancora di Dio.

Nando Elmo non č nuovo al pubblico rivarolese perché si č presentato molte volte come operatore culturale, in conferenze, performances di poesia, mostre di pittura.

Professore di lettere, specializzato in Linguistica generale e Semiologia, egli  č da sempre studioso di Filosofia e Teologia, materie nelle quali ha una consolidata competenza. La  sicura competenza che ha  del greco antico (č la seconda lingua della sua infanzia), lo rende particolarmente adatto a parlare di filosofia antica e segnatamente pitagorica, pensiero che, sulla scorta del suo concittadino Capparelli, altro grecista, ha da sempre frequentato.

Nel passato recente ha tenuto tre conferenze nella Sala Consiliare di Rivarolo sulla Icona bizantina conseguendo un largo consenso di pubblico che per tre sabati consecutivi lo ha seguito numeroso ed attento.

Questa volta intende far conoscere Vincenzo Capparelli un medico filosofo notissimo a suo tempo, ma passato nel dimenticatoio, come il canavesano Martinetti, per il mutato clima culturale dei nostri tempi poco consono a filosofie particolarmente legate alla metafisica. L’ opera di Capparelli “La Sapienza di Pitagora” in quattro poderosi volumi č stata acquisita dalla biblioteca comunale di Rivarolo che intende, con questo incontro, farne rilevare l’importanza.

 

Comunicato a cura della Biblioteca Comunale

 

priru / torna