ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëvet të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka / Notizie da Lorenzo Zolfo
 

L’INIZIATIVA. CLIMA ED AMBIENTE. SPEGNIAMO TUTTO: IL 1° FEBBRAIO DALLE 19,55 ALLE 20.00. AZIONE CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI

Il primo febbraio,L'Alliance pour la Planète (un gruppo di associazioni ambientali) chiamano semplicemente tutti i cittadini ad una giornata di mobilitazione:5 minuti di riposo per il pianeta! Questa associazione invita a spegnere luci e apparati elettrici il primo febbraio tra le 19.55 e le 20.00.
Non per risparmiare cinque minuti d elettricità solo in questo giorno, ma per attirare l'attenzione dei cittadini, dei media e delle autorità sul problema d'energia e l urgenza di passare all'azione!
5 minuti di riposo per il pianeta : non prende molto tempo, non costa niente, e mostrerà ai candidati che il cambiamento climatico è un soggetto che deve pesare nel dibattito politico.
Perchè il primo febbraio? Questo giorno uscirà, a Parigi, il nuovo rapporto del gruppo di esperti climatici delle Nazioni Unite. L’associazione l’Alliance pour la Planèt avverte:”Non dobbiamo lasciare passare l occasione di puntare l’urgenza della situazione climatica mondiale. Se partecipiamo tutti, questa occasione avrà un reale peso mediatico e politico!”

Avvicinati alcuni cittadini di Ginestra, Ripacandida e Venosa, hanno espresso il loro parere su questa iniziativa e sui cambiamenti climatici che avvengono nel mondo. Donato Petagine, dipendente comunale del Comune del centro arbereshe, ha detto: “a mio parere non sono sufficienti 5 minuti di risparmio energetico per salvare il pianeta dai cambiamenti climatici, ma ci vorrebbero più minuti per sensibilizzare le autorità competenti a prendere provvedimenti sui consumi smisurati, in materia di energia, da parte dell’uomo. Un controllo più minuzioso sugli sprechi energetici, servirebbe a risolvere qualcosa. Servirebbe anche un coinvolgimento delle scuole all’educazione al risparmio energetico”.

Michele Rondinella, di Ripacandida, dipendente della federazione Lucana della Col diretti, con una sede aperta a Ginestra, ha aggiunto: “lodevole questa iniziativa sul risparmio energetico. I cambiamenti climatici che avvengono nel nostro Pianeta sono dovuti ala distruzione dei boschi, ai diserbanti, alle concimazioni che l’uomo utilizza per un proprio profitto. I terreni sono diventati franosi proprio per colpa dell’estirpazione di piante, le fabbriche, non sono esenti da colpe, con l’emissione di gas, producono, sicuramente, effetti negativi non solo sull’uomo, ma all’ambiente. Per migliorare il clima bisogna produrre energie pulite, come le fonti rinnovabili, dai biocarburanti, alle biomasse e bioviticolture”.

Giovanni Restaino di Venosa ha riferito: “ quest’anno l’atmosfera natalizia ed il cambiamento di stagioni non li ho per niente avvertiti. Manca rispetto per l’ambiente, basta guardarsi attorno, si vedono cumuli di materiale non biodegradabile. Anche andando contro gli interessi dei venditori di auto, qualche volta, si potrebbe farne a meno di utilizzarla nei centri urbani. Da queste mie dichiarazioni, spero chi non rispetta l’ambiente si metta le mani sulla coscienza”.

Una curiosità: nei giorni scorsi c’è chi giura di aver già mangiato le fragole nel proprio vigneto, un frutto, questo, che matura nel mese di maggio.

Lorenzo Zolfo

priru / torna