ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëvet të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka / Notizie da Lorenzo Zolfo
 

CULTURA. PROGETTO “ADOTTA UN MONUMENTO” DALLA SCUOLA PRIMARIA DI GINESTRA

Ginestra.

Al termine dell’anno scolastico, tutte le scuole si stanno adoperando per portare a termine le attività curriculari ed extracurriculari progettate. La scuola primaria di Ginestra, sezione staccata della Direzione Didattica 2° Circolo di Venosa, composta da poco più di 35 alunni diretta dal prof. Pasquale Covella, ha realizzato un originale progetto” Adotta un monumento”, la chiesa di Ripacandida di San Donato con i meravigliosi affreschi del 1500, gemellata con la Basilica di Assisi, e il Giardino storico “San Francesco”.

In questo progetto, che rientra nell’ambito del macro-progetto Socrates-Comenius, sono stati impegnati gli alunni della classe V^ . Adotta un monumento, è scaturito dalla necessità, da parte degli insegnanti, di far conoscere agli alunni alcune bellezze e rarità esistenti nel territorio del Vulture, troppo spesso trascurate e dimenticate. Con la realizzazione di questo progetto ci si è sforzati di avvicinare gli alunni ad alcune opere d’arte e particolari piante che si trovano a Ripacandida, centro distante da Ginestra, solamente tre chilometri, e dare loro l’occasione, l’input, per potersi innamorare e saper riconoscere tutto ciò che di bello e prezioso c’è anche qui, nella nostra nostra realtà, sena per forza doversi allontanare, andare altrove, per incantarsi di fronte a un qualcosa, naturale o artificiale che sia, di indiscussa bellezza.

E la chiesa di San Donato, definita la piccola Assisi di Basilicata, perché ha in analogia con la Basilica assisiate, oltre, al tipico impianto francescano ad aula unica, priva di transetto e con coro rettilineo, tre campate voltate a crociera ogivale, esempio unico in tutta la Basilicata, ed è affrescata all’interno per l’intera estensione delle superficie disponibili, è stata una vera scoperta per questi bambini di Ginestra, abituati a trascorrere, gran parte delle lezioni e del tempo libero, tra i banchi o per strada. Così anche nel Giardino storico “San Francesco”, adiacente la chiesa di San Donato, i piccoli cultori di Ginestra hanno potuto ammirare esemplari di alberi rari e secolari e dei meravigliosi disegni floreali ricavati da bellissime siepi. In particolare, è stata privilegiata la conoscenza della vita dei Santi, affrescati sui pilastri del Santuario di San Donato, per la vicinanza che la comunità di Ginestra ha sempre manifestato verso questa realtà religiosa che ha coinvolto e continua a coinvolgere gli abitanti di Ginestra. Del ciclo dei Santi fa parte il “San Francesco che riceve le stimmate”, ed è in questo affresco che, con gli occhi di Giotto, la mani di Nicola da Novi, l’autore del dipinto, ed il cuore di Francesco d’Assisi, la contemplazione orante delle meraviglie di Dio raggiunge il suo culmine come ad Assisi. Nel Giardino storico, i bambini  hanno ammirato la presenza di un Pino d’Aleppo, enorme, visibile  tra le chiome degli alberi già molto prima, di circa 4 secoli di vita ed alcune Sequoie.

Gli obiettivi che con questo studio si è inteso raggiungere sono stati:

Formativi: conoscere l’importanza e la bellezza artistica della chiesa di San Donato; conoscere particolari e longeve piante esistenti nella villa comunale adiacente, che in passato era lo spazio occupato dai frati per coltivare gli ortaggi e per vivere i momenti di preghiera all’aperto; imparare a valorizzare le risorse, qualunque esse siano, del proprio territorio. Specifici: conoscere le notizie principali riguardanti la chiesa di san Donato; conoscere alcune parti della Bibbia; conoscere alcuni brani del Vangelo; conoscere la vita dei santi raffigurati sui pilastri della chiesa; studiare, nei dettagli, particolari piante che si trovano nel giardino storico. Alla realizzazione del progetto hanno contribuito gli insegnanti: Giovanni Petrelli, Rosalba Consiglio e Maria Donata D’Amato con gli alunni: Rossana Allamprse, Teresa Di Sabato, Mattia Granolla, Elisabetta Menschykova, Giovanna Sileno e Davide Zolfo.

Lorenzo Zolfo

priru / torna