ARBITALIA 
Shtëpia e Arbëreshëvet të Italisë
La Casa degli Albanesi d' Italia  
 
Lajme ka / Notizie da Lorenzo Zolfo
 

GINESTRA. 4 MARZO 2007. LA PRO-LOCO “ZHURIAN” HA VENDUTO 30 GARDENIE IN PIAZZA A SOSTEGNO DELL’AISM.

Ginestra.

Anche il piccolo centro del vulture ha partecipato lo scorso 4 marzo alla giornata, indetta dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, alla vendita della gardenia dell’AISM in piazza. La pro-loco “Zhurian”, col suo presidente Antonella Pepe ed il suo componente dell’associazione, Massimo Summa, hanno allestito in piazza Raffaele Ciriello, lo stand per ricevere le offerte per una pianta di gardenia.

Nel giro di pochissimi minuti, ben 30 gardenie, in piazza Raffaele Ciriello, sono andate a ruba. Non solo donne, ma anche uomini, hanno voluto con questo semplice gesto, aiutare tantissime donne a vivere oggi una vita migliore e sperare in un domani senza sclerosi multipla. Infatti, la sclerosi multipla, colpisce una persona ogni 4 ore e due volte su tre è una donna. E’ una malattia cronica ed imprevedibile, una delle più gravi del sistema nervoso centrale ed è la principale causa di invalidità tra i giovani, dopo quelle causate da incidenti stradali. Danneggia il rivestimento delle fibre nervose, provocando la comparsa di placche che rallentano o bloccano la trasmissione degli impulsi nervosi e causa quelli che sono i principali sintomi della malattia. La sclerosi multipla si manifesta con disturbi della vista, della mobilità e dell’equilibrio e segue un percorso diverso da persona a persona. In 54.000 famiglie, in Italia, c’è una persona con sclerosi multipla. Colpisce, soprattutto, le donne con un’età compresa tra i 20 e i 30 anni, l’età migliore, dove si pensa a progetti importanti per il proprio futuro: l’amore, l’amicizia, lo studio, la carriera, la famiglia.

La presidente della pro-loco di Ginestra, Antonella Pepe, è una donna, avvicinata, ha riferito: “ la sezione provinciale di Potenza dell’A.I.S.M. quando mi ha proposto di vendere le gardenie per questa causa non ho avuto alcuna esitazione. La maggior parte delle donne non conoscono ancora i sintomi e la progressione di questa malattia, che le porta a vivere, il più delle volte, tra incertezze e difficoltà nella vita quotidiana e lavorativa. I cittadini di Ginestra hanno risposto con tanto entusiasmo a questa giornata di solidarietà, consapevoli del fatto che le offerte date hanno una destinazione di ricerca scientifica e di crescita dei servizi sanitari e sociali”.

Lorenzo Zolfo

priru / torna